Laura Bianconi Vicepresidente dei Senatori del Gruppo PDL

09.12.2014
LAURA BIANCONI A MALTA PER ANNUALE RICEVIMENTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO
Lo scorso 4 dicembre la senatrice Laura Bianconi, vicepresidente vicaria del gruppo Ncd, ha partecipato a La Valletta all’annuale ricevimento organizzato dalla locale Camera di Commercio. Nel corso della serata la senatrice Bianconi si è intrattenuta con il ministro della salute, Dr Konrad Mizzi, e con il ministro della famiglia e della solidarietà sociale, Dr Michael Farrugia, con i quali si è confrontata sui sistemi sanitari in vigore nei rispettivi Paesi. Di seguito la senatrice Bianconi ha incontrato anche il Primo ministro Joseph Muscat e la Presidente della Repubblica Marie Louise Coleiro Preca che hanno entrambi confermato l’eccellente livello dei rapporti tra Italia e Malta. “E’ stato un momento importante per confrontarmi con le massime autorità di un paese che con l’Italia ha condiviso importanti momenti della storia e che riveste un ruolo strategico nel Mediterraneo. – dichiara la senatrice Laura Bianconi – Politiche sociali, immigrazione, integrazione e ruolo dell’Unione europea sono temi fondamentali a cui dare risposta, soprattutto in un periodo come quello che stiamo vivendo che vede l’area del nord Africa così tragicamente pervasa da venti gi guerra. Si tratta di problematiche della massima importanza, alla cui soluzione tutti dobbiamo sentirci impegnati, per questo ho invitato entrambi i ministri a Roma per approfondire ulteriormente i temi trattati”. Infine, la senatrice Bianconi ha rivolto un particolare ringraziamento al Dr David G Curmi, Presidente della Camera di Commercio di Malta. “A Malta la Camera di Commercio è un’istituzione di grande rilevanza, paragonabile al nostro Ministero dell’Economia e David Curmi, nel suo ruolo di presidente, è stato uno straordinario padrone di casa che ha saputo organizzare un momento di incontro e confronto veramente utile per far conoscere le potenzialità di Malta”.

25.11.2014
GRAZIE A CHI HA SOSTENUTO NCD E I SUOI CANDIDATI
E’ sempre d’obbligo per un politico non sottrarsi al commento del risultato elettorale. Risultato che in questa circostanza, come hanno osservato i leader di Ncd, Gaetano Quagliariello e ANgelino Alfano, lascia comunque l’amaro in bocca. Perché deve essere chiaro a tutti che l’aver voluto escludere, a priori e ad ogni costo, il Nuovo centrodestra da ogni ipotesi di coalizione ha danneggiato tutto il centrodestra e consegnato una facile vittoria alla sinistra. E questo è un dato su cui, assieme a quello dell’astensione, si dovrà avviare una profonda riflessione per recuperare quella passione politica e quella partecipazione che sono sempre state un vanto del nostro Paese. NCD è un partito giovane, che a un anno dalla sua costituzione ha affrontato due importanti tornate elettorali (le europee a giugno e le regionali domenica scorsa), e lo ha fatto con l’impegno e la dedizione dei candidati e dei militanti che in queste ultime elezioni si sono messi in gioco per sostenere il proprio partito, A tutti loro un grazie di cuore per il loro impegno e la loro generosità.
Sen Laura Bianconi
21.11.2014
DOMENICA 23 NOVEMBRE L’EMILIA-ROMAGNA AL VOTO
Tre buoni motivi per votare Alessandro Rondoni, candidato presidente della lista ”Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe

Mancano meno di due giorni al voto, a mezzanotte scatterà il ‘silenzio elettorale’, pausa di riflessione per consentire l’ultima personale valutazione su chi votare.
Al riguardo Spazio di libertà non ha dubbi, se c’è una lista che merita il voto dei cittadini è ”Emilia-Romagna Popolare” Ncd-Udc-Ppe, se c’è un candidato presidente con qualità innegabili è Alessandro Rondoni.
Per cui chi legge questa newsletter e non risiede in Emilia-Romagna, ma conosce questa regione perché ci viene in vacanza, perché qui ha frequentato l’Università, chiami i propri amici, i propri conoscenti, per dirgli di votare Alessandro Rondoni.
Se vi chiedono perché votare Alessandro Rondoni sotto troverete quelle che a mio parere sono le motivazioni più ragionevoli di una scelta.
Non lasciate e non lasciamo nulla di intentato, i voti si conquistano uno ad uno, e ogni voto conta per l’affermazione di un candidato come Alessandro Rondoni che con generosità e intelligenza ha guidato un progetto politico coerente, coraggioso e innovativo.


TRE BUONI MOTIVI PER VOTARE ALESSANDRO RONDONI

PERCHE' VOTARE RONDONI? PRIMO....
Non votate Alessandro Rondoni perché ha la bacchetta magica (non ce l’ha nessuno), non votate Alessandro (o Sandro, come lo chiamano i suoi amici) perché è un politico raffinato (anche se a Forlì cinque anni fa ha inventato una cosa che si chiama RondoPoint che nessun politico, di nessun partito, è riuscito a replicare). Votate Alessandro perché è una persona capace, competente, che però non smette mai di confrontarsi, chiedere, ascoltare, e questo in politica non è affatto scontato. Anch’io, che pure ho tanti anni di esperienza politica, non so ancora niente e voglio imparare. Lo spero anche di voi e che per questo scegliate chi come Alessandro vi assomiglia.

PERCHE' VOTARE RONDONI? SECONDO....
Votate Alessandro Rondoni perché per lui la parola ‘ideale’ ha una concretezza rara, frutto di esperienze e di incontri che cambiano la vita, e tutto questo Alessandro lo ha trasferito nella politica, dimostrando come ci si possa mettere in gioco per dare concretezza agli ideali in cui si crede.

PERCHE' VOTARE RONDONI? TERZO....
Votate Alessandro Rondoni perché ha fatto la campagna elettorale più bella di tutti. Più bella non perché frutto dei consigli sapienti delle agenzie di comunicazione, ma più bella perché è stata una campagna elettorale per la gente e con la gente. Ha girato tutta la regione, ha incontrato e ascoltato singoli cittadini e associazioni. E lo ha fatto con una squadra di amici che hanno condiviso con lui questa esaltante avventura, dai candidati delle singole liste provinciali agli esponenti nazionali del Nuovo centrodestra e dell’Udc che sono venuti a sostenere la sua campagna elettorale. Significa che Alessandro può crescere ancora di più, che ha qualcosa di molto serio e concreto da cui attingere, che potrà fare tante battaglie importanti assieme agli amici che con lui hanno vissuto questa campagna elettorale. La squadra è sempre un di più, per tutti. Chi è capace di stare in squadra (e Alessandro ha una bella squadra di amici veri) ha più capacità di leggere la realtà, capire e risolvere i problemi.

Per questo Alessandro Rondoni merita il vostro sostegno e il vostro voto, perché con lui il cambiamento non solo è possibile ma sarà una realtà.
Sen. Laura Bianconi
20.11.2014
JOBS ACT: MINORANZA PD ANCORATA A VECCHIE REGOLE 
"La minoranza del Partito democratico è rimasta ancorata alla vecchia dimensione del mondo del lavoro, viziato da formalismo giuridico e da servizi per l'impiego inefficienti". Lo ha dichiarato la vicepresidente vicaria del gruppo del Nuovo Centrodestra al Senato, Laura Bianconi che ha aggiunto: "Vale per Damiano il vecchio detto: "chi si accontenta
gode". "Nonostante loro, - ha aggiunto - la riforma è fatta ed ora dobbiamo correre per votarla definitivamente e subito dopo produrre i decreti delegati. Il cambiamento è tale che i vecchi
comunisti devono rassegnarsi al fallimento storico delle loro idee e delle regole che hanno influenzato".

14.11.2014
SALUTE: BIANCONI "CONTRO TUMORE SENO REGIONI REALIZZINO RETI ECCELLENZA"
"Il ministero della Salute ha inviato oggi alla Conferenza Stato-Regioni un importantissimo documento che definisce le modalità per l'organizzazione delle reti di senologia sul territorio. Ogni anno in Italia 40mila donne ricevono diagnosi di tumore al seno. Una malattia che se prevista in tempo, nelle prime fasi in cui si manifesta, può essere sconfitta. Il documento va in questo senso, e cioè di rivisitare tutta l'organizzazione degli screening e delle reti di eccellenza che consenta a medici specializzati e dedicati di seguire e curare la paziente, accompagnandola così in ogni fase del suo percorso medico. E' questo il modello di sanità al quale dobbiamo guardare e tendere, nella consapevolezza che solo attraverso un'organizzazione sanitaria di qualità si può sconfiggere il tumore al seno. Al ministro Lorenzin va fatto un plauso per il lavoro svolto e per la celerità con cui è stato presentato alla Conferenza Stato-Regioni. Adesso spetta alle Regioni recepire velocemente queste direttive affinché l'Italia si doti di una rete di eccellenza capace di affrontare in maniera moderna ed efficace il tumore al seno".


Prima  Indietro  1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12    Avanti   Ultima

 

 

 


Privacy e Note Legali
[ home ] - [ biografia ] - [ news letters ] - [ photo gallery ] - [ links ] - [ contatti ]