Laura Bianconi Vicepresidente dei Senatori del Gruppo PDL

 

TUMORE SENO/SEN.BIANCONI (PDL): INDAGINE CONOSCITIVA DEL SENATO

"Nella giornata dedicata alla lotta al tumore al seno e nel mese in cui si sta promuovendo la prevenzione su questo fronte, credo che la frase più importante che si possa dire è che da questa patologia si guarisce, ma è il momento di compiere un passo in più: far prendere coscienza alle donne che la diagnosi precoce proprio in questo tipo di cancro fa la differenza tra la vita e la morte". Lo ricorda la senatrice Laura Bianconi del Pdl relatrice in commissione Igiene e Sanità dell'indagine conoscitiva sul tumore al seno. "I dati - precisa la parlamentare - ci dicono che, laddove una donna alla quale viene diagnosticato un tumore al seno può contare su un team multidisciplinare che segue solo quella patologia (dal radiologo, all’oncologo, al chirurgo, al personale infermieristico), le aspettative di vita sono molto più alte. Andare, quindi, sempre più verso una cultura della prevenzione, non dimentichiamo, infatti, che ogni anno in Italia vengono diagnosticati 40 mila nuovi casi di tumore al seno. L’alto numero di quelli diagnosticati non va però correlato ad una escalation della malattia, ma piuttosto all’attività di prevenzione e screening che consente di individuare anche quelle lesioni, inferiori al centimetro, per le quali la percentuale di guarigione raggiunge il 95 per cento. Da questa riflessione comune e totalmente condivisa è partita l'indagine della Commissione volta a comprendere le criticità che riguardano percorsi di screening previsti dal Servizio sanitario nazionale, nonché a tracciare un quadro generale con particolare riferimento alla ricerca e alla sperimentazione di nuovi farmaci. Questi i nostri obiettivi primari - conclude Laura Bianconi - insieme a quello di promuovere entro il 2016 l'organizzazione a livello nazionale di 'Breast Unit' certificate secondo gli orientamenti europei, ed esattamente come previsto nella risoluzione del Parlamento europeo, del 5 giugno 2003, in cui si chiedeva di considerare la lotta al cancro al seno una priorità della politica sanitaria degli Stati membri, nella prospettiva di delineare criteri omogenei al fine di ovviare alle attuali differenziazioni nella misura del tasso di mortalità tra i vari Paesi dell'Unione".

Roma 15 ottobre 2010


 

 


Privacy e Note Legali
[ home ] - [ biografia ] - [ news letters ] - [ photo gallery ] - [ links ] - [ contatti ]