Laura Bianconi Vicepresidente dei Senatori del Gruppo PDL
Newsletter n. 119 del 31 luglio 2012

In Commissione
Affari costituzionali
Riforma del sistema di informazioni e la sicurezza della Repubblica
Codice delle leggi antimafia e misure di prevenzione
Esteri
Riforma disciplina cooperazione allo sviluppo
Bilancio
Ripartizione 8 per mille a gestione statale
Carta delle autonomie locali
Istruzione pubblica
Riparto 7 per cento premiale a enti di ricerca
Audizione Ad Cinecittà su dismissione Cinecittà
Lavori pubblici
Decreto sviluppo
Agricoltura
Etichettatura prodotti alimentari
Industria
Decreto sviluppo
Lavoro, previdenza sociale
Decreto sviluppo
Equità retributiva lavoro giornalistico
Lavoratori che assistono familiari gravemente disabili
Sanità
Atti preparatori legislazione comunitaria
Indagine conoscitiva patologia diabetica
Politiche dell’Unione europea
Legge comunitaria 2011

In Aula
Dismissioni patrimonio pubblico
Revisione spesa pubblica
Eventi sismici in Emilia
Proroga termini in materia sanitaria
Bilancio interno e rendiconto del Senato
Decreto sviluppo

Settimane intense queste che precedono la consueta sospensione dei lavori parlamentari per la pausa estiva. In approvazione ci sono tanti decreti urgenti, oltre a quelli relativi alle dismissioni del patrimonio pubblico e revisione della spesa pubblica appena approvati, aspettano il voto finale il decreto sugli eventi sismici in Emilia, il decreto sulla proroga dei termini in materia sanitaria, il decreto sviluppo e il Bilancio interno del Senato. Spazio di libertà ritorna a settembre con le informazioni sull’attività parlamentare e sull'attività della senatrice Laura Bianconi. A tutti, buonissime vacanze!

LAVORI DEL SENATO: DISMISSIONE DEL PATRIMONIO PUBBLICO E REVISIONE DELLA SPESA PUBBLICA
E’ stato votato questa mattina il provvedimento che unifica il decreto sulla dismissione del patrimonio pubblico e il decreto sulla revisione della spesa pubblica. Due misure importanti, necessarie a completare quel percorso virtuoso che deve ridare fiducia nel nostro Paese e stabilizzare i mercati. “Sul concetto di spesa pubblica si è molto discusso in questi mesi – commenta la senatrice Laura Bianconi – soprattutto perché è sempre più evidente che il problema non è tanto l’ammontare della nostra spesa pubblica (che è in linea con gli altri Paesi europei), il problema è invece la qualità della spesa pubblica, soprattutto in relazione al livello dei servizi erogati. In un momento in cui tutto il Paese è in affanno a causa della crisi economica e in cui gli italiani sono costretti a fare tanti sacrifici è quanto mai urgente agire sugli sprechi mettendo in moto un sistema di pratiche virtuose che garantiscano al cittadino servizi di qualità in un’ottica di rigoroso controllo dei costi. Quella che viviamo è un’epoca di grandi cambiamenti - continua Bianconi - cambiamenti a cui non eravamo preparati ma che sono ineludibili; in questa ottica va letta anche la riorganizzazione delle autonomie locali, il cosiddetto taglio delle province e dei piccoli comuni. L’Italia è un paese con una storia antica, dove anche piccole realtà amministrative sono portatrici di un patrimonio storico e culturale importantissimo, bisognerà dunque saper distinguere e mantenere viva l’eredità storica rispetto alle strutture amministrative e burocratiche. Quando si devono prendere misure di questa portata –conclude la senatrice Bianconi - è evidente che si creano reazioni negative, quando lo scenario cambia vi sono aspettative sul proprio lavoro, abitudini di vita, che verranno modificate, ma queste misure sono necessarie per evitare di inasprire ulteriormente il prelievo fiscale e deprimere ulteriormente i consumi interni. Come parlamentari il nostro impegno ha interessato soprattutto i lavori nelle diverse commissioni che, ciascuna per parte di sua competenza, hanno discusso il testo presentato dal Governo; è stato così possibile far approvare emendamenti importanti per rendere il testo finale più equo e rispondente agli obiettivi del Paese”..

LAVORI DEL SENATO: RIFORMA DEL PARLAMENTO E FORMA DI GOVERNO
La scorsa settimana il Senato ha votato il disegno di legge avente per oggetto riforma del Parlamento e forma di Governo. Tema non nuovo nella discussione politica e nelle aule parlamentari perché da almeno due decenni si parla di riformare la Costituzione, alla luce anche dei cambiamenti che in questi ultimi anni hanno interessato sia la società che la politica. “Purtroppo, e come sempre viene da dire – osserva la senatrice Bianconi – anche in questa circostanza non si è riusciti a trovare l’auspicata coesione delle principali forze politiche rappresentate in Senato. Eppure parlare di presidenzialismo (o semipresidenzialismo) o di Senato federale, non è un mero esercizio di stile. In un contesto internazionale, in cui i summit tra i rappresentanti degli Stati sono l’ambito in cui si elaborano strategie fondamentali per far fronte a sfide che sono globali, è fondamentale che anche il nostro Paese sia rappresentato da una figura espressione del voto degli italiani”.

SPENDING REVIEW: UN PUNTO IMPORTANTE PER I FARMACI ORFANI
“I cosiddetti farmaci orfani rischiavano di essere pesantemente penalizzati dal decreto sulla revisione di spesa, sono quindi molto soddisfatta che il Governo abbia accolto l’emendamento che ho proposto e che è stato sottoscritto dai rappresentanti di tutti i gruppi parlamentari”.
Questo il commento della senatrice Bianconi, evidentemente molto soddisfatta per essere riuscita a riequilibrare un provvedimento che rischiava di mettere in gravi difficoltà un particolare comparto dei settore farmaceutico. Il decreto sulla Spending review infatti stabiliva che anche le aziende che producono farmaci orfani, i farmaci cioè destinati a persone colpite da malattie rare, dovessero contribuire, al pari di tutte le aziende farmaceutiche, al ripiano del superamento della spesa ospedaliera. Questo creava una disparità di trattamento rispetto ai farmaci innovativi, per i quali era stata stabilita la completa esclusione dal ripiano e un unicum nel panorama europeo. L’Unione Europea infatti con il Regolamento 141/2000 stabilisce precise misure a tutela delle aziende che producono farmaci orfani. “Così come strutturato dalla stesura del Governo - precisa Laura Bianconi – si trattava di un provvedimento che avrebbe inciso per circa il 5 per cento sui bilanci delle imprese del settore, imprese che sono nella maggior parte di dimensioni medio-piccole e che svolgono la loro attività quasi esclusivamente nel campo delle malattie rare, era quindi necessaria un’azione di riequilibrio. – conclude Bianconi – Chi si trova a dover combattere con una malattia rara ha come alleato aziende farmaceutiche che. pur sapendo di non poter contare su grandi volumi di vendita. decidono ugualmente di investire e fare ricerca in un settore marginale come quello delle malattie rare. Era importante che questo prezioso lavoro fosse salvaguardato e ringrazio i colleghi che hanno condiviso con me questa battaglia e il Governo che ne ha riconosciuto la fondatezza e la bontà”.

TUMORE AL SENO: POSTE LE BASI PER LE BREAST UNIT IN ITALIA
“Un grandissimo passo avanti per la realizzazione di quella rete di strutture che operano nell'ambito della senologia e che rappresentano il modello di riferimento per la cura più appropriata del tumore al seno”.
La senatrice Laura Bianconi commenta così il decreto ministeriale che istituisce il gruppo di lavoro che dovrà definire i criteri e i requisiti delle strutture di senologia sul modello delle Breast Unit già presenti nei paesi all’avanguardia nella lotta al tumore al seno. “Le Breat Unit – spiega Laura Bianconi - sono strutture complesse in cui lavorano in sinergia diverse figure professionali, dall’oncologo. al radiologo, al senologo, al chirurgo, al personale paramedico dedicato che insieme prendono in carico la donna colpita da cancro alla mammella. Si tratta di una rivoluzione culturale, perché non dovrà essere la paziente che a seconda delle necessità si reca dai diversi specialisti, ma saranno i diversi specialisti che si recano in un unico centro per visitare, operare, curare le donne a cui è stato diagnostico il tumore al seno. Una struttura al cui centro c’è la paziente, che dovrà solo preoccuparsi di seguire il percorso di cura che le verrà proposto”. Il tema del tumore al seno e delle Brest Unit sono da sempre al centro dell’impegno parlamentare della senatrice Bianconi, iniziò ad occuparsene appena eletta cercando di sensibilizzare colleghi e ministri affinché anche nel nostro Paese si prendessero a riferimento le migliori esperienze del settore. “Fondamentali sono state le Indagini conoscitive sul tumore al seno che ho condotto per conto della commissione Sanità del Senato. – aggiunge Bianconi – Le ricerche condotte nel 2006 e nel 2011 sono state la leva con cui è cresciuta una più matura sensibilità al problema, la base scientifica che ha supportato tante iniziative parlamentari come mozioni e interrogazioni. E oggi finalmente possiamo dire che il nostro sistema sanitario ha messo il primo mattone di quella sarà una struttura fondamentale per tutte le donne”. Ma c’è un’altra cosa che Laura Bianconi vuole porre in rilievo: “I componenti del gruppo di lavoro, funzionari del Ministero della Salute e medici scelti tra i migliori professionisti presenti nel nostro Paese, non riceveranno alcun compenso per il loro lavoro, né come gettone di presenza, né come rimborso spese, si tratta di un impegno assolutamente gratuito che verrà svolto solo per garantire migliori percorsi di cura a tutte le donne colpite dal tumore al seno”.



Ultima newsletter prima della pausa estiva e come al solito contiene consigli non richiesti su cosa fare in vacanza. Vacanze low cost (lo impone purtroppo la crisi economica) e ritmi slow sono i nostri suggerimenti. La scorsa settimana vi abbiamo dato dei buoni motivi per scegliere come meta l’Emilia-Romagna, oggi vi lanciamo qualche proposta. Fate come Jovanotti che è partito in bicicletta dalla costa romagnola per inerpicarsi nelle colline dell’entroterra, avrete davanti agli occhi un territorio dove crescono eccellenze del nostro sistema agroalimentare, splendidi vigneti, rocche medievali e ogni tanto la scoperta inaspettata dell’opera di un grande artista come Ilario Fioravanti, come ci dice l’amica Marisa Zattini. Volete stare comodi? Allora andate a Meeting per l’amicizia tra i Popoli di Rimini. Una settimana di eventi culturali, dibattiti, mostre e la sera, ad un costo veramente contenuto, tanti spettacoli di qualità. E infine per i giovani che vogliono fare una vacanza alternativa, la Summer School organizzata da Italia Protagonista e Magna Carta.

NELLA ROMAGNA DI ILARIO FIORAVANTI
La Romagna è una terra bellissima!
E contiene tante anime diverse e tutte davvero “speciali”. Per chi vuole avventurarsi con spirito libero nel nostro territorio ne può scoprire una goliardica e godereccia, naturalistica o ancora straordinariamente artistica... È terra di storia e di memoria ma è anche terra di mitiche follie, come ci racconta Federico Fellini. È la terra incantata di Tonino Guerra; quella introversa della lingua dei nostri padri raccontata da Raffaello Baldini; quella dai mille campanili e dai mille dialetti musicalissimi... È la terra unita e separata dagli amori, dalle contrapposizioni, dagli odi e dalle antipatie; oppure legata fortemente dalle “passioni”. È quella dei grandi amori “politici”, totali
e assoluti, senza sfumature. È quella dei Papi e degli anticlericali: delle “etichette”, dei sopranomi, dei proverdi e dei “detti”. Quella del divertimento nelle balere, del valzer e dei “vitelloni”. È quella inconfondibile della riviera, del mare, dei tramonti, della pronuncia della “s” e della “z” che
ti fanno riconoscere quando sei in giro per il mondo.
La Romagna è il luogo dove le colline e le larghe pianure si incontrano e si abbracciano, dove i filari e i campi perfettamente “pettinati” corrono giù giù fino al mare, fra borghi, case, rocche, ruderi, torri e campanili che nelle primavere profumano d’erba e di fiorite valli piene di ciliegi, come quelli che popolano le terre di Longiano. O di alberi che chiacchierano con i mandorli fioriti che abitano poco più in là. È la terra dei peschi e del grano, dei filari di viti e delle susine...
È la terra di geni, di industriali, di inventori, di artisti e di indefessi lavoratori. Piena di “matti” e tipi strani, di squinternati, di fanatici e di santi. È anche la terra del Sangiovese, del Pagadebit e dell’Albana. Dunque la Romagna è davvero tante cose insieme...
Quella che vogliamo raccontare oggi è la Romagna di Ilario Fioravanti. Una Romagna declinata nell’arte di un grande nostro architetto scultore che nel tempo ha disseminato sul territorio oltre 40 opere, in dieci Comuni, volendo ricordare solo quelle collocate “all’aperto”! Un percorso capace di modificarsi e trascolorare a seconda delle stagioni e dei nostri stati d’animo.
Emotivamente... proprio come ci suggeriscono le parole di Fernando Pessoa.
Questa - non dimentichiamolo! - è la terra dei clown e dei pagliacci della via crucis che possiamo ammirare nelle terre del Montefeltro, a Pennabilli, presso la bella sede della Fondazione Tonino Guerra, vicino all’Oratorio della Madonna della Misericordia. È la terra del Compianto sul Cristo morto ospitato nella Chiesa di Longiano e la terra del Portale del Duomo di Cesena, da cui parte idealmente questo nostro viaggio...
(Marisa Zattini – Art Director Galleria Il Vicolo)

MEETING RIMINI
A Rimini dal 19 al 25 Agosto si terrà la XXXIII edizione del Meeting per l’amicizia tra ti popoli. Come sempre un titolo tosto: “La natura dell’uomo è rapporto con l’infinito”. Informazioni sul sito www.meetingrimini.org.

SUMMER SCHOOL
A Frascati dal 9 al 13 settembre si terrà la VII edizione della Summer School, organizzata dalla Fondazione Magna Carta e dalla Fondazione Italia Protagonista. Informazioni sul sito www.summeschoolfrascati.it.

 

 

 

A cura della segreteria della Senatrice Laura Bianconi
Via Uberti,14 – 47023 Cesena (FC)
tel. 0547/613927 – fax 0547/613935
www.laurabianconi.itsenatrice@laurabianconi.it

Questa newsletter vuole essere un contributo al dibattito politico e culturale nel nostro Paese. Ci scusiamo se arriva contro la tua volontà, molti dei nostri indirizzi sono presi da elenchi istituzionali e trattati secondo quando stabilito dalla L. 675/96, se non vuoi più riceverla.

clicca qui


Privacy e Note Legali
[ home ] - [ biografia ] - [ news letters ] - [ photo gallery ] - [ links ] - [ contatti ]