Laura Bianconi Vicepresidente dei Senatori del Gruppo PDL
Newsletter n. 128 del 30 ottobre 2012

In Commissione
Affari costituzionali
Legge elettorale
Persone scomparse
Giorno della memoria deli popoli Rom e Siinti
Giustizia
Diffamazione a mezzo stampa
Fenomeni di infiltrazione della criminalità organizzata nel settore del gioco
Affido condiviso
Tribunale della famiglia
Esteri
Riforma della disciplina della cooperazione allo sviluppo
Bilancio
Ripartizione 8 per mille gestione statale
Finanze e tesoro
Delega fiscale
Istruzione pubblica
Impianti sportivi
Corso di laurea restauratori
Lavori pubblici, comunicazioni
Prevenzione incidenti settore aviazione civile
Attività autoriparazioni
Agricoltura
Valorizzazione dieta mediterranea
Attuazione legge etichettatura prodotti alimentari
Industria, commercio, turismo
Audizione del Ministro per gli Affari regionali, turismo e sport sul piano strategico per il turismo
Decreto legge crescita economica
Lavoro, previdenza sociale
Lavoratori che assistono familiari gravemente disabili
Sanità
Nuove tabelle invalidità

In Aula
Delega strumento militare
Decreto-legge n. 158, tutela della salute
Ddl n. 3134 - Parità dei cittadini in ordine al rilascio in sanatoria del titolo edilizio

POLITICA: RIPARTIRE DALLA SICILIA PER UNA NUOVA STAGIONE DI RILANCIO
Ripartire dal risultato delle elezioni regionali siciliane, fare tesoro della lezione, anche dura, che gli elettori ci hanno dato, per rilanciare una nuova stagione del PdL”. Sintetizza così la senatrice Laura Bianconi, vicepresidente dei senatori del Pdl, il cammino che si deve intraprendere in vista delle prossime elezioni politiche. “Le elezioni in Sicilia – commenta Bianconi - erano attese proprio per testare quale sarà l’orientamento degli elettori alle prossime politiche. E non c’è dubbio sul segnale che hanno voluto dare. Se alla percentuale di chi non è andato a votare (meno del 50%) si sommano i voti del candidato del Movimento 5 Stelle (18%) è evidente che quasi tre elettori su quattro non si sentono più rappresentati dai partiti tradizionali. Certo – continua Bianconi – è doloroso pensare a quel 61-0 con cui la coalizione di centrodestra si aggiudicò tutti i seggi siciliani alle elezioni politiche del 2001, ma in politica non bisogna mai indulgere ai ricordi del passato. Ora è il tempo di guardare avanti e di non perdere neppure un minuto per recuperare il rapporto con quegli elettori che hanno scelto di non sceglierci. Come giustamente ha osservato Angelino Alfano il grande popolo dell’astensione è costituito in gran parte da elettori del centrodestra e allora il nostro impegno dovrà essere quello di rilanciare attraverso l’unione delle forze moderate un progetto politico che, per le tante vicissitudini di questi ultimi anni ha, perso l’appeal iniziale. Ma quei principi sono ancora validi, sono ancora la risposta adeguata ai problemi che affliggono il nostro Paese. Sta in noi adesso dimostrare di aver compreso la lezione, e in questo le elezioni primarie annunciate ieri pomeriggio dal segretario Alfano saranno lo strumento privilegiato per ritornare a lavorare sul territorio e stare in mezzo alla gente. In questo – conclude Bianconi – il Pdl ha la fortuna di poter contare su una figura di grande spessore politico come Angelino Alfano, che proprio ieri ha dichiarato di volersi candidare alle primarie. Sono certa che per il nostro elettorato Angelino Alfano rappresenterà quella figura in grado di coniugare la grande spinta ideale che ha dato origine al Pdl con le sfide del futuro”.

PERSONE SCOMPARSE: IN DIRITTURA FINALE DDL BIANCONI
E’ all’esame della Commissione Affari costituzionali il disegno di legge sulle persone scomparse che vede come prima firmataria la senatrice Laura Bianconi. Per accelerare l’iter la Commissione opererà in sede deliberante, non sarà quindi necessario la votazione in Aula una volta conclusi i lavori di Commissione. “Si tratta di una legge lungamente attesa dalle famiglie che vivono la tragica esperienza della scomparsa di un loro caro – commenta Laura Bianconi – ed è giusto che prima che termini la legislatura possano avere una legge che tutela la loro vicenda umana”.

CORDOGLIO PER LA SCOMPARSA DEL SENATORE CICOLANI
Dopo una lunga malattia, affrontata con grande serenità e senza abbandonare l’impegno come parlamentare, è scomparso lo scorso 27 ottobre il Senatore Alberto Maria Cicolani, Questore del Senato. Alla famiglia e a tutte le persone che gli erano vicine le più sentite condoglianze.

CORDOGLIO PER ALPINO CADUTO IN AFGHANISTAN
Il Caporalmaggiore degli alpini Tiziano Chierotti è l’ultima vittima tra i militari italiani che operano in Afghanistan, caduto nel corso di uno scontro a fuoco in cui sono rimasti feriti altri tre militari italiani. Alla sua famiglia e a tutti quelli che lo hanno conosciuto le più sentite condoglianze.


Alfano non lascia, anzi rilancia. Chi si aspettava che il segretario politico del Pdl si presentasse in maniera dimessa e sconsolata alla conferenza stampa dopo le elezioni amministrative si è dovuto ricredere. Angelino Alfano si è presentato ai giornalisti, sorridente, disteso e determinato a ripartire dal risultato di Nello Musumeci per riconquistare gli elettori del centrodestra. Per chi si fosse perso l’intervista, che è comunque visibile sul sito de La7, ne abbiamo fatto una trascrizione. Da leggere e conservare.

CONFERENZA STAMPA DEL SEGRETARIO DEL PDL, ANGELINO ALFANO, DEL 29 NOVEMBRE 2011
Vi ringrazio della gentilezza che avete avuto nel partecipare a questo incontro.
Ho voluto rispettare i due giorni di silenzio e il giorno della votazione in Sicilia prima di dire alla stampa un qualcosa che io ritengo importantissimo per il futuro del Popolo della Libertà e del centrodestra italiano.
E’ confermata la indizione delle elezioni primarie del Popolo della Libertà. Ed è confermata la data del 16 novembre; il 16 novembre sarà la data per il deposito e la presentazione delle candidature.
Le elezioni primarie si svolgeranno il 16 di dicembre; domani mattina il Tavolo delle regole del Popolo della Libertà fisserà le regole, ed io sono sostenitore del fatto che siano primarie aperte, che possa votare anche ogni cittadino che si riconosce nei nostri ideali, benché non iscritto al Popolo della Libertà, e sono altresì dell’idea che debbano essere le più partecipate possibili, con meno diaframmi possibili, con regole semplici, chiare e trasparenti che agevolino questa partecipazione.
Il lavoro di domani sarà sottoposto al Comitato di Presidenza del Popolo della Libertà che, di concerto con il Presidente Berlusconi, sarà convocato il 7 novembre prossimo.
Quindi domani saranno scritte le regole, il 7 di novembre saranno deliberate dall’Ufficio di Presidenza, il 16 di novembre, un mese prima della scadenza elettorale, saranno presentate le candidature, il 16 di dicembre saranno tenute queste elezioni primarie.
A queste elezioni primarie io intendo candidarmi.
Mi candiderò alle primarie portando avanti i miei ideali, che valgono più della mia carriera. Sono quelli che ho sposato sin da ragazzino e per i quali ho deciso di impegnarmi in politica.
La fede in una Europa che unifichi, che renda il benessere la costante del popolo europeo, che renda la pace e la sicurezza le ragioni fondative di questa Europa, un’Europa anche molto diversa da quella che una certa burocrazia ci ha consegnato, e una certa attitudine egemonica di alcuni Paesi ci ha consegnato.
L’ideale ed il principio della sovranità del cittadino rispetto allo Stato, ad uno Stato che viene dopo e non viene prima, e l’ideale che si declina anche nella libertà del cittadino dall’oppressione fiscale.
Di questo parleremo quando presenterò il mio programma come candidato alle elezioni primarie e il nostro, che è un grande movimento carismatico, vedrà da quel giorno la trasformazione in un grande movimento popolare che indica una leadership attraverso l’espressione del consenso popolare.
E’ questa l’unica strada per recuperare il consenso di tutti coloro i quali hanno deciso di non votarci più, e hanno altresì deciso di non votare un altro partito.
Le elezioni siciliane ci insegnano che la regola per cui vi sono due modi per far vincere la sinistra: il primo modo è quello di votare un candidato o un partito di sinistra, l’altro modo è quello di separare i moderati, le elezioni siciliane ci insegnano che quella regola è ancora valida, l’esperimento è perfettamente riuscito: due candidati di centrodestra si sono divisi tra di loro, il 25 l’uno, il 15 l’altro, nel totale si sono divisi il 40 per cento; ebbene, dicevo che l’esperimento è perfettamente riuscito, e ha vinto il candidato del Partito Democratico.
Devo dire che il risultato del 25 per cento circa della nostra area, che fa riferimento al candidato, nostro, Nello Musumeci, in Sicilia, mi sembra straordinariamente positivo, perché, alle condizioni date, è la prova che il centrodestra c’è, è potenzialmente vincente, non è distante dalla meta del successo.
E’ necessario fare due cose: una è quella di unificare l’area alternativa alla sinistra; l’altra cosa indispensabile da fare è di parlare a quell’elettorato che anche in Sicilia, ed è la stragrande maggioranza del nostro elettorato, ha deciso di non andare a votare.
Quello è lo scopo principale delle primarie che svolgeremo il 16 dicembre: noi vogliamo che tutti coloro che si riuniscano dentro un tetto di valori, e sotto un tetto di valori che è il nostro, possano partecipare a delle elezioni in cui si torna a far vivere la possibilità che il centrodestra sia vincente anche in Italia.
Basta studiare anche i numeri di quest’ultima tornata elettorale per rendersi conto che ciò è possibile: ecco perché noi non arretreremo di un passo e faremo sì che queste elezioni primarie siano data di rinascita del centrodestra italiano.
(trascrizione dal video del sito http//tg.la7.it)

 

 

 

A cura della segreteria della Senatrice Laura Bianconi
Via Uberti,14 – 47023 Cesena (FC)
tel. 0547/613927 – fax 0547/613935
www.laurabianconi.itsenatrice@laurabianconi.it

Questa newsletter vuole essere un contributo al dibattito politico e culturale nel nostro Paese. Ci scusiamo se arriva contro la tua volontà, molti dei nostri indirizzi sono presi da elenchi istituzionali e trattati secondo quando stabilito dalla L. 675/96, se non vuoi più riceverla.

clicca qui


Privacy e Note Legali
[ home ] - [ biografia ] - [ news letters ] - [ photo gallery ] - [ links ] - [ contatti ]