Laura Bianconi Vicepresidente dei Senatori del Gruppo PDL
Newsletter n. 5 dell'8 marzo 2010

In Commissione
Affari Esteri
Atto comunitario Politica marittima integrata
Agricoltura
Riordino disciplina in materia di fertilizzanti
Igiene e Sanità
Ddl limiti al consumo di tabacco
Tutela dei diritti umani
Audizione Alto Commissario ONU per i diritti umani

In Aula
Ddl Legittimo impedimento

Oggi in tutto il mondo si celebra la festa della donna. Spazio di Libertà vuole festeggiare in un modo un pò insolito e speciale: perchè la forza lieve della poesia sostenga tutte le donne nel cammino per la conquista di una reale libertà e parità.

Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe,
i capelli diventano bianchi,
i giorni si trasformano in anni.
Però ciò che è importante non cambia;
la tua forza e la tua convinzione non hanno età.
Il tuo spirito è la colla di qualsiasi tela di ragno.
Dietro ogni linea di arrivo c’è una linea di partenza.
Dietro ogni successo c’è un’altra delusione.
Fino a quando sei viva, sentiti viva.
Se ti manca ciò che facevi, torna a farlo.
Non vivere di foto ingiallite …
Insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni.
Non lasciare che arrugginisca il ferro che c’è in te.
Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto.
Quando a causa degli anni non potrai correre, cammina veloce.
Quando non potrai camminare veloce, cammina.
Quando non potrai camminare, usa il bastone.
Però non trattenerti mai!
(Madre Teresa di Calcutta)
 


Questa settimana Spazio libero ospita gli interventi di due amiche Francesca Merzagora e Franca Compostella che, ciascuna nel proprio specifico settore, ogni giorno sono impegnate dalla parte delle donne.

LA NOSTRA MISSION: LA SALUTE DELLA DONNA
ONDa nasce nel 2005 con lo scopo di promuovere una cultura della salute di genere: le donne vivono più a lungo degli uomini, ma risultano più svantaggiate di fronte alla malattia e alla ricerca. Per sensibilizzare il mondo della politica, dell’industria e della ricerca sull’importanza di studiare le principali patologie femminili l'Osservatorio sostiene la ricerca di base e gli studi epidemiologici sulle principali patologie, promuove campagne di comunicazione rivolte alle donne, ai medici e alle Istituzioni, organizza cicli di conferenze, convegni e tavole rotonde sui temi di salute femminile. Tra le iniziative principali ricordiamo i Bollini rosa agli ospedali a misura di donna, cui ONDa conferisce ogni anno il riconoscimento in funzione della loro attenzione alle esigenze delle donne ricoverate. Sarà poi pubblicata la terza edizione del “Libro Bianco sulla salute della donna" che ogni due anni fotografa la condizione della salute femminile in Italia. Per la popolazione è in 'tour” da due anni la mostra interattiva "Donne in Salute", che ha toccato molte città italiane e che offre una visione delle problematiche di salute femminile nelle varie fasi di età della vita della donna attraverso postazioni multimediali, exhibit interattivi, pannelli e pubblicazioni varie.
Tutte le iniziative di O.N.Da sono indicate sul sito www.ondaosservatorio.it
Francesca Merzagora - Presidente O.N.Da, Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna

LE DONNE IMPRENDITRICI: UNA RISORSA PER IL PAESE
Per chi si occupa di donne, e nella fattispecie di imprenditoria femminile, l’8 marzo è sempre un’occasione di bilanci. Un comportamento virtuoso ha caratterizzato l’anno che ci separa dall’ultimo 8 marzo: sempre più donne hanno deciso di intraprendere un’attività imprenditoriale e le imprese femminili esistenti hanno resistito meglio delle altre alla a crisi. Infatti, nella regione Emilia Romagna nel periodo di riferimento giugno 2008/giugno 2009 il numero delle imprese femminili è aumentato di circa 2.000 unità. Ciò testimonia che le donne imprenditrici, di fronte alla crisi, si sono dimostrate più forti, più flessibili, maggiormente capaci di tracciare la propria rotta. I motivi sono tanti, tra questi il management condiviso, lo stile slow and steady, il coraggio di chiedere aiuto. A questo si aggiunge però un elemento fondamentale: in un’impresa al femminile il profitto è solo una parte del valore che diamo alle nostre imprese, quello che viene prima, per noi, è un progetto di vita e una scelta di realizzazione di sé. Però ci sono ancora tanti problemi da risolvere; è quindi importante impegnarsi per trasmettere messaggi di innovazione e lottare per ottenerla. In Europa siamo il primo paese per numero di imprenditrici, che rappresentano ben il 15% del cosiddetto popolo delle partite IVA, purtroppo i nostri primati si fermano qui: abbiamo analizzato le differenze con i paesi europei a noi simili per struttura sociale ed economica e ne è risultata una lista di ben 33 divari o gap che riguardano tutti l’occupazione femminile e il welfare. E’ stato calcolato che solo il superamento di questi gap comporterebbe un incremento del PIL di circa 7 punti. Per questo è indispensabile recepire e attuare politiche di sviluppo dell’imprenditoria femminile e politiche di conciliazione. Questo dovrà essere l’impegno prioritario di tutti (associazioni, istituzioni, governi locali e nazionali). La prima grande innovazione per cui lottare è rappresentata da una migliore conciliazione dei tempi di lavoro, potrebbe sembrare un’affermazione banale e generica, ma migliorare la vita di tutti i giorni è importante e anche significativo dal punto di vista economico. Questo aiuterebbe a ricreare un’economia più civile in una società più civile. Richiederà profusione di impegno e di responsabilità per poter gettare le basi di un nuovo patto sociale che ci veda protagoniste a testa alta. Sono convinta che molte donne siano d’accordo ad accettare questi cambiamenti e che siano pronte a dire la loro opinione e a fare la loro parte. Tanti altri sono i problemi da affrontare. Auguriamoci di festeggiare il prossimo il prossimo 8 marzo con una nuova legge sulla conciliazione e con più donne occupate! Un sogno? Meglio sognare e combattere per un obiettivo giusto che stare a guardare!
Franca Compostella - Presidente Donne Impresa Confartgianato Emilia Romagna

 

 

 

A cura della segreteria della Senatrice Laura Bianconi
Via Uberti,14 – 47023 Cesena (FC)
tel. 0547/613927 – fax 0547/613935
www.laurabianconi.itsenatrice@laurabianconi.it

Questa newsletter vuole essere un contributo al dibattito politico e culturale nel nostro Paese. Ci scusiamo se arriva contro la tua volontà, molti dei nostri indirizzi sono presi da elenchi istituzionali e trattati secondo quando stabilito dalla L. 675/96, se non vuoi più riceverla.

clicca qui


Privacy e Note Legali
[ home ] - [ biografia ] - [ news letters ] - [ photo gallery ] - [ links ] - [ contatti ]