Laura Bianconi Vicepresidente dei Senatori del Gruppo PDL
Newsletter n. 220 dell'18 marzo 2014

In Commissione
AFFARI COSTITUZIONALI
Equilibrio di genere elezioni Parlamento europeo
Province e città metropolitane
Accoglienza persone con esigenze particolari
Province e città metropolitane
Cittadinanza
AFFARI ESTERI
Comunicazioni del Governo sui recenti sviluppi in Ucraina
Incontro informale con l'Ambasciatore d'Italia in India, Daniele Mancini
Seguito dell'indagine conoscitiva sulla presidenza italiana del Consiglio dell'Unione europea del secondo semestre 2014: audizione di europarlamentari italiani
Disciplina generale cooperazione internazionale per lo sviluppo
Ratifica protocolli e accordi internazionali
BILANCIO
Disposizioni in materia di regioni, trasporto locale, seggi elettorali, calamità, aziende sanitarie
Automatismi stipendiali personale della scuola
Ineleggibilità ed incompatibilità dei magistrati. Magistrati cessati da cariche politiche
Otto per mille Irpef 2013
FINANZE E TESORO
Indagine conoscitiva sugli organismi della fiscalità e sul rapporto tra contribuenti e fisco
Audizione dei rappresentanti di CONFINDUSTRIA
Audizione dei rappresentanti del Consiglio di Presidenza della Giustizia tributaria
Audizione dei rappresentanti della Banca d'Italia
Audizioni dei rappresentanti di RETE Imprese Italia
Disposizioni in materia di regioni, trasporto locale, seggi elettorali, calamità, aziende sanitarie
Disposizioni in materia di regioni, trasporto locale, seggi elettorali, calamità, aziende sanitarie
ISTRUZIONE PUBBLICA
Automatismi stipendiali personale della scuola
Riparto spesa MIUR 2013 per contributi ad enti
Disposizioni in materia di regioni, trasporto locale, seggi elettorali, calamità, aziende sanitarie
Professioni beni culturali
Mandati CONI e federazioni
Sistema integrato di educazione e istruzione 0-6 anni
Prerogative del nuovo Istituto per la tutela dei diritti degli artisti interpreti esecutorio
LAVORI PUBBLICI, COMUNICAZIONI
Disposizioni in materia di regioni, trasporto locale, seggi elettorali, calamità, aziende
Revisione del Corpo delle capitanerie di porto
Sanzioni relative a obblighi dei passeggeri nel trasporto ferroviario
Privatizzazione Poste S.p.A.
Privatizzazione Enav S.P.A.
AGRICOLTURA
Seguito dell'indagine conoscitiva sul fenomeno delle frodi nel settore agroalimentare: audizione di rappresentanti della Confederazione produttori agricoli
Esame congiunto (COM (2014) 4 def.) (modifica alla normativa zootecnica) e (COM (2014) 5 def.) (importazione nell'Unione di animali riproduttori e del loro materiale germinalr
Relazione programmatica partecipazione dell'Italia all'Unione Europea 2014
Audizione informale di rappresentanti dell'Associazione produttori di piante in coltura protetta (ASSOPLANT) sui riflessi sul settore della serricoltura della normativa sulla cessione dei prodotti agricoli e agroalimentari

In Aula
Modifiche alla legge 24 gennaio 1979, n. 18, per la promozione dell'equilibrio di genere nella rappresentanza politica alle elezioni per il Parlamento europeo
Esercizio abusivo delle professioni
Ammissione reclutamento Forze armate
Comunicazioni del Presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo di Bruxelles del 20 e 21 marzo 2014
Comunicazioni del Presidente, ai sensi dell'articolo 126-bis, comma 2-bis, Reg., sul ddl n. 1328 - Competitività settore agricolo (Collegato alla manovra finanziaria)
Mozione n. 129, Vaccari, sulle iniziative a favore del popolo Saharawi
Mozione n. 214, Bitonci, su iniziative a sostegno dei territori confinanti con la Svizzera

NCD: UN FINE SETTIMANA DENSO DI APPUNTAMENTI TRA ABRUZZO. TORINO E BOLOGNA
Quello appena trascorso è stato un fine settimana denso di appuntamenti per il Nuovo Centrodestra. Il primo degli appuntamenti ha avuto inizio venerdì 14 marzo alle terme di Rivisondoli in provincia dell'Aquila, con la winter school dal titolo "RESPONSABILMENTE? EUROPEI!" promossa da Ncd, dal gruppo del Ppe al Parlamento europeo e dalla fondazione Magna Carta. Per due giorni, fino a sabato 15, cento giovani hanno assistito a dibattiti e si sono confrontati con i protagonisti della politica nazionale, fra i quali il ministro Maurizio Lupi, il capogruppo Ncd al Senato Maurizio Sacconi, il presidente della Commissione Esteri della Camera Fabrizio Cicchitto e ovviamente il coordinatore nazionale Gaetano Quagliariello e il leader del Nuovo centrodestra Algelino Alfano. La senatrice Laura Bianconi, vice presidente vicario dei senatori dell’Ncd ha preso parte alla tavola rotonda “QUALE WELFARE NEL MONDO DEL LAVORO 2.0?”, assieme a Giuliano Cazzola, professore di Diritto della Previdenza Sociale, Guido Viceconte, componente della Commissione Igiene e Sanità del Senato e Maurizio Saconi, presidente dei senatori Ncd. Significativo anche l’appuntamento svoltosi a Torino, al Teatro Carignano, dal titolo “LA SCOMMESSA EUROPEA”, e infine la due giorni di Bologna sul tema “FAMIGLIA BENE COMUNE”, nel corso della quale la senatrice Laura Bianconi ha preso parte alla tavola rotonda in cui sono intervenuti la vice coordinatrice regionale NCD, Valentina Castaldini, il senatore Carlo Giovananrdi, gli onorevoli Alessandro Pagano e Eugenia Roccella e Souad Sbai, presidente dell’Associazione Donne Marocchini in Italia. “Sono stati tre giorni intensi ed entusiasmanti – ha dichiarato Laura Bianconi – che hanno testimoniato l’impegno dell’NCD a radicare e consolidare la propria presenza sul territorio. Europa, giovani, famiglia; sono questi per noi i temi da cui partire e sui quali vogliamo dimostrare di avere una posizione culturale e politica che non è subalterna a nessuno. La risposta che a livello locale abbiamo avuto – conclude Bianconi – ci conferma sempre più di aver fatto la scelta giusta per il bene del Paese”.

LA FAMIGLIA, AMMORTIZZATORE SOCIALE CONTRO LA CRISI
Proprio mentre Franco Grillini, il presidente di Gaynet, rilanciava la trita polemica dell’ingerenza vaticana nelle politiche che hanno frenato le libertà individuali il Nuovo Centrodestra organizzava a Bologna due giorni di riflessione e confronto sul tema FAMIGLIA BENE COMUNE. Questo il titolo dell’iniziativa che si è tenuta sabato e domenica scorsi alla quale hanno partecipato gli esponenti nazionali dell’Ncd, Gaetano Quagliariello e Angelino Alfano in primis, i parlamentari dell’Emilia Romagna e i tanti militanti che nel corso di questi mesi hanno  aderito all’Ncd costituendo a livello locale tantissimi circoli che sono punto di riferimento fondamentale per i cittadini e gli elettori. “In questa terra, che non a caso il cardinale Biffi aveva definito sazia e disperata, abbiamo voluto lanciare la nostra proposta politica partendo dai presupposti fondamentali”. Inizia così il commento della senatrice Laura Bianconi che ricorda come “la crisi economica abbia da un lato compromesso la speranza nel futuro e determinato una preoccupante crisi demografica, mentre dall’altro ha rivelato come la rete parentale si sia rivelata essere il più grande ammortizzatore sociale in questi tempi così difficili”. Per concludere la senatrice ha voluto ricordare quelli che per il Nuovo centrodestra sono i valori non negoziabili. “Per noi la famiglia è quella fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna ed è questa l’istituzione che intendiamo sostenere con politiche fiscali che adeguate senza tralasciare il tema di una scuola che sempre più interagisca con la famiglia e di servizi a sostegno dei più deboli”.

NCD: SI COMPLETA LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA
Tassello dopo tassello si va completando a struttura organizzativa dell’Ncd che la scorsa settimana ha affidato l’incarico di portavoce del partito all’onorevole Barbara Saltamartini. Allo stesso tempo sono stati nominati i seguenti responsabili delle aree tematiche: Antonio D'Alì (economia), Paolo Naccarato (riforma dello Stato), Maurizio Bernardo (corpi intermedi), Nico D'Ascola (giustizia), Erminia Mazzoni (politica estera), Marco Taradash (campagne d'opinione nelle aree metropolitane), Stefano Zecchi (cultura), Daniele Nava (infrastrutture e sviluppo), Paolo Scarpa Bonazza Buona (agricoltura), Massimo Baldini (telecomunicazioni), Stefano Saglia (piccole e medie imprese), Guido Viceconte (Mezzogiorno), Antonio Tomassini (sanità), Filippo Berselli (forze dell'ordine e comparto sicurezza), Laura Allegrini (professioni).



Quella di questa settimana è una newsletter interamente dedicata al Nuovo centrodestra. Le iniziative di Rivisondoli, Torino. Bologna hanno segnato un ulteriore passo in avanti nel radicamento sul territorio e posto le basi per l’imminente campagna elettorale. Spazio libero prosegue con due interviste ad Angelino Alfano che chiariscono ancora di più la mission del Nuovo Centrodestra.

ALFANO: MATTEO? IL SUO PIANO MI RICORDA LE RICETTE LIBERALI
II ministro: altro che sinistra, la riduzione delle tasse è da sempre la nostra bandiera
Sostiene Renzi che avete varato la manovra più di sinistra da molti anni in qua. Voi però siete il Nuovo centrodestra: non vi sentite in difficoltà, ministro Alfano?
No, perché a me sembra semmai il piano più aderente alle nostre idee che si potesse immaginare. Ne sono talmente convinto che qui dichiaro: abbiamo avuto ragione a entrare in questo governo. L`elettorato di centrodestra ha avuto la prova che nell`esecutivo c`è chi ne rappresenta i valori e i programmi.
Che cosa c`è di vostro nella ricetta annunciata dal premier?
Quasi tutto, direi. Diminuire le tasse degli italiani senza aumentare il deficit, e anzi tagliando la spesa pubblica improduttiva, come altro vogliamo chiamarlo se non ricetta economica liberale? Io ci vedo una chiara continuità con il primo modulo di riduzione fiscale che venne adottato nel 2003, a firma di Berlusconi e di Tremonti».
Addirittura…
Esatto. E posso dirlo a ragion veduta, dal momento che il relatore in Parlamento fu proprio il sottoscritto. Fu estesa la “no tax area” e vennero abbassate le imposte per 5 miliardi limitatamente alle fasce più deboli. Oggi seguiamo la stessa filosofia, ma con più risorse e rivolgendoci a una fascia di reddito che arriva a comprendere una quota del ceto medio, di cui ci consideriamo gli avvocati.
Forza Italia vi sfida a indicare le coperture finanziarie che renderanno possibile il taglio delle tasse…
Criticano le coperture perché non le hanno viste. Ma quando le studieranno, sarà chiaro anche a loro che lo stock delle risorse viene ricavato attraverso il taglio agli sprechi, senza affondare le mani nelle tasche dei contribuenti. E a quel punto voglio vedere se voteranno contro un piano che, ripeto, idealmente prosegue il cammino iniziato nel 2003. Forza Italia che si schiera contro il taglio delle tasse, beh, sarebbe una notizia davvero clamorosa….
Siamo sicuri che, strada facendo, non spunterà fuori qualche balzello per garantire le coperture?
Sicuri.
O magari un taglio alle pensioni?
Non è previsto niente di tutto ciò. E se qualcosa cambierà, sarà nella direzione della nostra prossima battaglia in difesa degli autonomi, dei liberi professionisti, delle partite Iva. Penso ai tanti giovani che lavorano in proprio, non hanno dipendenti e rientrano nella fascia dei 25 mila euro di reddito: meritano di essere incentivati. Le ricordo che siamo stati noi a chiedere e ottenere l`abbassamento dell`Irap, cioè la tassa più soffocante sulle imprese, compensandola con l`aumento dell`aliquota sulle rendite finanziarie, ma senza toccare i Bot e il risparmio degli italiani. Siamo stati noi a smontare, per decreto legge, la riforma Fornero che aveva prodotto disoccupazione attraverso vincoli sbagliati sull`apprendistato e sui contratti a termine….
Insomma, questa manovra non è di sinistra, al limite di centrodestra.
Tolga “al limite”. E aggiunga il piano casa, il “social housing” del ministro Lupi, che prevede un sistema per superare le proroghe degli sfratti, di cui si avvantaggeranno tanto gli inquilini quanto i proprietari. Noi abbiamo piantato con forza la nostra bandiera nel programma di governo.
Lei, che fu vice-premier del precedente governo, come spiega il cambio di passo? Era Letta troppo riflessivo, oppure è Renzi che sa osare di più?
Ne l`una cosa ne l`altra. C`è il fatto nuovo di un presidente del Consiglio che concentra in sé pure il ruolo di segretario Pd. Si riducono le mediazioni necessarie, specie a sinistra, e ciò da il senso dell`accelerazione.
Con Renzi come si condividono le decisioni? Le riunioni sono pochine, di vertici non se ne parla nemmeno…
Abbiamo contatti molto operativi e sulle questioni di sostanza. Ci sentiamo al telefono e via sms, che è un sistema di comunicazione molto congeniale a lui e altrettanto a me.
Tra Renzi e Berlusconi, chi è il miglior «venditore» di se stesso?
”Venditore” è parola sbagliata per entrambi. La comunicazione è sostanza; quando dietro non c`è nulla, è impossibile che funzioni.
Però sulla legge elettorale lei fa di tutto per incrinare il patto tra quei due…
Ci batteremo in Senato per le preferenze al posto delle liste bloccate. Renzi ha premesso di non essere ostile. Dunque speriamo che Forza Italia cambi idea. Perché sarebbe singolare che la legge permetta di scegliere chi ci rappresenta in Europa, e non un deputato nel Parlamento italiano».
(intervista di Ugo Magri – pubblicata su La Stampa di sabato 15 marzo 2014)

&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&

ALFANO, L’AVVOCATO DELLE PARTITE IVA
«Taglieremo le tasse anche a loro»
«Il nostro prossimo obiettivo sono gli autonomi. Mi riferisco alle partite Iva senza dipendenti e con reddito inferiore a 25mila euro. Chiediamo che abbiano lo stesso beneficio fiscale riconosciuto ai lavoratori dipendenti con gli stessi livelli retributivi».
Angelino Alfano si prende finalmente la soddisfazione di dettare l`agenda a Palazzo Chigi e ai partiti della maggioranza. Ora che non c`è più Berlusconi a tenere al guinzaglio le larghe intese, il leader di Ncd lavora per imporre a Renzi le sue parole d`ordine. Lo fa nei consueti modi felpati, epperò netti. Con questo umore, sbarca a Bologna e, dal palco dell`hotel Savoia-Regency, intende rilanciare la famiglia e i suoi valori.
«È un pilastro della società. Abbiamo il massimo rispetto per l`affettività di tutti, siamo pronti a valutare una migliore tutela patrimoniale delle coppie, ma per noi la famiglia è una ed è quella composta da uomo e donna».
Niente matrimoni gay: musica per le orecchie degli ex amici forzisti. 
«Il grande errore di Berlusconi e di Forza Italia è stato tentare di far precipitare il governo Letta e poi a piazzarsi all`opposizione. Scegliendo di restare nella maggioranza, l`Ncd può influire sulle politiche dell`esecutivo. Ecco perché chiediamo agli elettori moderati, che considerano irrazionale la scelta di stare in minoranza quando si diminuiscono le tasse e si cambia la legge Fornero sul lavoro, di votarci alle Europee dove otterremo un ottimo risultato».
A proposito di Europee: Berlusconi è deciso a candidarsi. Fa bene?
Mi lasci fuori da questa polemica. Mi pare però chiaro che dare un voto a Forza Italia sia inutile: non è carne né pesce, non appoggia il governo ma non può neanche fare un`opposizione sfrenata perché ha accettato di dare il suo contributo sulle riforme. Mi sembra che Forza Italia sia ancora in un vicolo cieco.
Toti sostiene il contrario: in queste condizioni, davvero lei pensa che sia possibile ricucire alle politiche con Forza Italia?
Le politiche sono ancora molto lontane: avremo modo di consolidare Ncd che, secondo tutti i sondaggi, è determinante per battere la sinistra. Quando arriverà il momento chiederemo le primarie.
Una richiesta che ha fatto, senza successo, quando stava nel Pdl. Perche ora Berlusconi dovrebbe accettarla?
Il contesto era diverso e lui era pienamente candidabile. Oggi, in sua assenza, la modalità delle primarie per la scelta del candidato alla leadership del centrodestra non solo è naturale ma pure conveniente. Basta guardare come si è comportata la sinistra: la scelta di Renzi non mi pare le abbia portato male.
Ha lasciato più d`uno strascico nel Pd. Comunque: non pensa che, se il governo farà bene, i meriti andranno a Renzi non a voi?
II primo beneficio sarà per l`Italia. E pensiamo che i moderati premieranno chi, come noi, è determinante per l`agenda di governo.
Un`agenda che contiene anche le riforme: come giudica la proposta di modifica del Senato di Renzi?
Premesso che noi dobbiamo superare l’attuale bicameralismo, il disegno di Renzi ha una sua logica, ma noi abbiamo fatto un`altra proposta. Ne discuteremo per trovare una sintesi.
I senatori devono affrontare prima quel tema o la legge elettorale?
La strada più razionale è che si occupino prima della riforma del Senato.
Ncd insiste per inserire le preferenze nell`Italicum: cosa ci guadagna Berlusconi a cedere?
Lo dovrebbe fare non per guadagnarci qualcosa, ma perché è giusto dare la possibilità agli elettori di scegliere.
(intervista di Antonella Coppari – Il Resto del Carlino di domenica 16 marzo 2014)


 

 

 

A cura della segreteria della Senatrice Laura Bianconi
Via Uberti,14 – 47023 Cesena (FC)
tel. 0547/613927 – fax 0547/613935
www.laurabianconi.itsenatrice@laurabianconi.it

Questa newsletter vuole essere un contributo al dibattito politico e culturale nel nostro Paese. Ci scusiamo se arriva contro la tua volontà, molti dei nostri indirizzi sono presi da elenchi istituzionali e trattati secondo quando stabilito dalla L. 675/96, se non vuoi più riceverla.

clicca qui


Privacy e Note Legali
[ home ] - [ biografia ] - [ news letters ] - [ photo gallery ] - [ links ] - [ contatti ]