Laura Bianconi Vicepresidente dei Senatori del Gruppo PDL
Newsletter n. 224 dell'8 aprile 2014

In Commissione
AFFARI COSTITUZIONALI
Province e città metropolitane
Rientro capitali detenuti all’estero
Cittadinanza
Giorno del dono
Audizione membri della commissione Affari costituzionali del Parlamento europeo
GIUSTIZIA
Delitti contro l'ambiente
Contrasto all'omofobia e alla transfobia
Corruzione, voto di scambio, falso in bilancio e riciclaggio
Tribunale della famiglia
Amnistia e indulto
Disciplina delle coppie di fatto e delle unioni civili
ESTERI
Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo
Audizione del Commissario Straordinario del Governo per la trattazione della questione dei due fucilieri "marò" appartenenti al Reggimento della Marina militare "Brigata San Marco", dottor Staffan De Mistura
BILANCIO
Comunicazioni del vice ministro Casero sull'attuazione della legge 11 marzo 2014, n. 23 Delega al Governo recante disposizioni per un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita
FINANZE E TESORO
Disposizioni in materia di capitali detenuti all'estero e in materia tributaria e contributiva
ISTRUZIONE PUBBLICA
Sistema integrato di educazione e istruzione 0-6 anni
Finanziamento premiale enti di ricerca 2013
Dichiarazioni programmatiche del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca sugli indirizzi del suo Dicastero
INDUSTRIA, COMMERCIO E TURISMO
Riforma codice nautica da diporto
Disciplina delle attività subacquee e iperbariche
Comunicazioni del Ministro dello sviluppo economico sulle linee programmatiche del suo Dicastero
IGIENE E SANITA’
Esame affare assegnato OPG
Seguito esame affare assegnato MUOS
Indagine conoscitiva caso Stamina
audizioni:
Commissario degli Spedali civili di Brescia
Direttore sanitario degli Spedali civili di Brescia
Presidente Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Brescia
Autismo
Cellule staminali e donazione da cordone ombelicale
POLITICHE DELL’UNIONE EUROPEA
Incontro con una delegazione della Commissione per l’occupazione e gli affari sociali
Politiche dell'energia e del clima per il periodo dal 2020 al 2030
Per una rinascita industriale europea
Audizione di membri della Commissione Libertà civili, giustizia e affari interni del Parlamento europeo



In Aula
Mozioni sull'attività di ricerca di idrocarburi nel Mare Adriatico
Seguito mozioni sul sistema di telecomunicazioni satellitari MUOS
Ratifiche di Accordi internazionali definite dalla Commissione esteri
Esercizio abusivo delle professioni
Ammissione reclutamento Forze armate

SAVE THE DATE:
11-12-13 aprile Assemblea Costituente NCD. Alla Fiera di Roma, via Portuense 1645- 647. Per informazioni e iscrizioni consultare il sito www.nuovocentrodestra.it

SAVE THE DATE:
Lunedì 14 aprile alle ore 20.30, nel Salone del Palazzo Comunale, Alessandro Rondoni racconta i suoi 5 anni di consigliere, dalla storica esperienza del ballottaggio all'impegno costante e puntuale sui banchi del Consiglio comunale.

SANITA’ E RIFORME: PIU’ TUTELA A ECCELLENZE FARMACEUTICHE
“L’industria farmaceutica italiana rappresenta un grande patrimonio del nostro paese e occorre che il quadro normativo di riferimento non sia di ostacolo”. Lo ha dichiarato la senatrice Laura Bianconi, vicepresidente dei senatori NCD, a Latina nel corso della tappa del tour organizzato da Farmindustria dal titolo “Produzione di valore. L’industria del farmaco: un patrimonio che l’Italia non può perdere”.
Nella visita alla sede di Jansen Italia sono state messe in rilievo i numeri che riguardano il settore farmaceutico nella Regione Lazio: 50 imprese, 15 mila addetti e un export che nel 2013 ha superato i 7 miliardi di euro. Cifre che dimostrano quanto il settore farmaceutico nell’economia sia importante per l’intera Regione. “La riforma del Titolo V della Costituzione che ci apprestiamo a esaminare – ha proseguito Laura Bianconi – sarà l’occasione per risolvere le conflittualità esistenti. L’aver stabilito che la sanità è materia concorrente ha avuto come esito solo quello di aumentare i ricorsi al Tar senza produrre apprezzabili vantaggi per i cittadini. Soprattutto. Per quello che riguarda il settore farmaceutico è importante istituire l’Ente nazionale regolamentazione farmaci affinché vi sia un unico ente di riferimento. Attualmente prima che un farmaco sia disponibile nelle strutture ospedaliere o in farmacia occorre superare i controlli dell’EMA, l’Agenzia Europea dei Medicinali, poi in Italia quello dell’AIFA, che autorizza la registrazione e valuta la congruità del prezzo e, infine, c’è il successivo vaglio delle Regioni. E’ un lungo percorso da fare – conclude Bianconi – e come NCD siamo fortemente determinati a portarlo a termine. Intanto, grazie all’impegno del ministro Lorenzin, possiamo dire che è stata fermata la riduzione di risorse e questo grazie a una maggiore consapevolezza del valore del farmaco”.

EUROPEE: NCD E UDIC INSIEME PER UN GRANDE PROGETTO
Il nome di Angelino Alfano e lo scudo crociato. Sono questi gli elementi che caratterizzano il simbolo sotto cui correranno alle prossime elezioni europee Nuovo Centrodestra e Udc. “Si tratta di un grande progetto che vede coinvolte le forze moderate che sostengono il governo – commenta la senatrice Laura Bianconi – il nostro punto di riferimento è il Ppe, per questo abbiamo creato una casa comune a cui ha aderito anche l’ex ministro della Difesa Mario Mauro. Noi guardiamo lontano – conclude Bianconi - il nostro obiettivo è portare in Europa lo stesso senso di responsabilità con cui stiamo adesso al governo”.

RIFORME, RIFORME, RIFORME
“Il Nuovo Centrodestra è nato per completare il percorso di riforme iniziato un anno fa. Abbiamo sempre detto che la nostra alleanza con il Pd è funzionale alle riforme e durerà il tempo necessario per concludere questo percorso. Per questo da parte di Ncd non ci saranno temporeggiamenti o boicottaggi più o meno velati”.
Lo ha dichiarato la senatrice Laura Bianconi commentando gli aut aut che nei giorni scorsi Forza Italia ha lanciato a Matteo Renzi. “Il nostro obiettivo – continua Bianconi – sono le riforme e su questo abbiamo già detto che daremo il nostro contributo, anche per noi ci sono cose che devono essere riviste ma non per questo, come Forza Italia, siamo disposti a sfilarci, né sarà una telefonata a far cadere le nostre obiezioni. Soprattutto chiediamo che il percorso delle riforme segua innanzitutto la strada del buonsenso e della logica. Prima la riforma della Costituzione e la definizione dei nuovi assetti istituzionali e dopo la legge elettorale, che avrà un senso solo se calibrata sulla nuova Carta costituzionale”.

SANITA’: DA REGIONI RIGORE E SERIETA’
Rigore e serietà, sono questi i punti salienti dell’appello rivolto dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin alle Regioni per utilizzare al meglio le risorse disponibili. Facendo riferimento all'attuale momento di crisi e razionalizzazioni necessarie, il ministro ha sottolineato come le Regioni "devono capire che è il momento di dare una vera scossa, con impegni chiari e quantificati. Possiamo recuperare 900 milioni di euro per rifare i Livelli essenziali di assistenza Lea che sono
fermi da 12 anni in Italia e dare risposte anche per le malattie rare, le demenze e le patologie psichiche. Non è più accettabile nessuno spreco – conclude il ministro - neanche di un euro. In sanità sprecare è ancora più immorale che nel resto della pubblica amministrazione”.

SECESSIONISTI VENETI: NON BASTA ESSERE STUPIDI PER MERITARE LA PRIGIONE
“Un comportamento certamente censurabile e che merita una punizione. Con le armi non si gioca e non si scherza, ma trattare come terroristi i cosiddetti secessionisti veneti è eccessivo, Condivido l’appello del capogruppo dei senatori Ncd, Maurizio Sacconi, quando dice che non può stare in galera per stupidità”
. Lo afferma la senatrice Laura Bianconi che è intervenuta sulla vicenda a sostegno delle iniziative prese dai colleghi parlamentari del Veneto.



Le opportunità per le donne sono state per troppo tempo neglette nel nostro paese. Per questo abbiamo accumulato ritardi che in questo periodo di crisi acuiscono ancora di più le differenze. Abbiamo già detto nelle corse settimane del nostro gap riguardo la presenza delle donne in politica. Oggi ci occupiamo del mondo del lavoro, presentando la l’intervista a Cristine Lagarde, direttore del Fondo monetario internazionale. Che ci bacchetta per bene.

LAVORO ALLE DONNE DIETE I PEGGIORI
Parla Christine Lagarde: «L’Italia è il Paese che ha fatto meno per incoraggiare le donne al lavoro»
«Quello del nuovo primo ministro Matteo Renzi è un programma molto ambizioso che, se tradotto in provvedimenti e attuato con determinazione, produrrà un significativo miglioramento delle condizioni economiche dell’Italia». In un’intervista esclusiva al «Corriere della Sera», nel suo ufficio di Washington, il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde, guarda con fiducia agli sforzi del nostro Paese per uscire dalla crisi, misura i grandi progressi fatti dall’Europa negli ultimi due anni — dal rischio del collasso a una modesta ripresa — ma segnala anche i pericoli di quella che chiama lowflation: una condizione di crescita zero (o quasi) dei prezzi che, pur senza sconfinare nella deflazione, può avere effetti negativi su produzione, reddito e posti di lavoro. Contro questo pericolo, parlando ieri agli studenti della scuola di studi internazionali della Johns Hopkins University, aveva sollecitato un intervento della Bce «entro i limiti del suo mandato». Ieri quelle parole hanno provocato una reazione irritata del presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi. Ora i suoi collaboratori si limitano a far notare che la sollecitazione alle autorità monetarie ad agire per evitare il rischio di una prolungata, bassa inflazione, è da tempo la linea del Fondo monetario internazionale.
Ma il direttore del Fondo, tra i cui impegni c’è anche lo sforzo appassionato nel promuovere un maggior ruolo delle donne nella società e nell’economia, ha un messaggio per l’Italia anche su questo fronte: «Il vostro è uno dei Paesi della zona euro che incoraggiano meno la partecipazione delle donne al mercato del lavoro. Un cambiamento di rotta, a parte ogni considerazione di progresso sociale, potrebbe avere effetti benefici sulla produzione di reddito aggiuntivo e, quindi, sull’uscita da un periodo di stagnazione».
Secondo lei il lavoro femminile andrebbe incentivato con agevolazioni fiscali?
«Quantomeno non andrebbe disincentivato. Oggi ci sono molte situazioni di questo tipo in molti sistemi di tassazione. Prenda il Giappone: il premier Abe ha già cambiato rotta. E ha capito che creando una rete di centri per la cura dell’infanzia può aiutare le donne nipponiche a entrare nel mercato del lavoro, dando una spinta a un’economia che viene da anni molto difficili. Un Paese che ha avuto molto successo in questo campo è l’Olanda che ha dato la possibilità di creare lavori flessibili part time senza alcuna restrizione. Anche la Corea si sta muovendo in questa direzione».
Quali elementi apprezza della scommessa di Renzi? E non crede che l’applicazione rigida del tetto del 3 % del deficit da parte di Bruxelles, più i nuovi vincoli che arriveranno nel 2015 col “fiscal compact”, possano compromettere le possibilità di ripresa dell’Italia?
«Considero ambizioso il programma di Renzi perché spazia dal mercato del lavoro alla riforma dei servizi fino al miglioramento di un sistema giudiziario oggi molto lento. Mi pare che la sua sia un’impostazione di politica fiscale che guarda più alla riduzione delle spese che all’aumento delle entrate tributarie, grazie anche agli obiettivi della spending review di Carlo Cottarelli che era con noi a Washington fino a non molto tempo fa. Mentre al Tesoro c’è un altro ex del Fondo: Pier Carlo Padoan. Io allora non c’ero ma l’ho conosciuto a Parigi, nei suoi anni all’Ocse».
E sul tetto del deficit?
«Tocca all’Unione europea decidere su questo, ma chiaramente la cosa importante è che si imbocchi un positivo sentiero di consolidamento fiscale e che il tutto sia poggiato su un solido piano a medio termine che renda credibile il pacchetto di misure varate»
Rispetto al 2011, quando l’Europa sembrava sull’orlo del tracollo, trascinata dalla crisi della Grecia e da quelle che rischiavano di travolgere Spagna e Italia, la situazione è assai migliorata, grazie anche agli interventi della Bce e alla rete di sicurezza stesa dal Fmi. Ma la ripresa è lenta e lei, come ha detto anche ieri, teme i rischi di una «generazione perduta» di giovani che non riescono a entrare stabilmente nel mondo del lavoro.
«I lati positivi certamente non mancano. Lei ha già citato la safety net. Penso anche ai progressi verso un’unione bancaria, al coordinamento delle politiche fiscali dei partner europei e allo stesso fiscal compact. Quello che vediamo è un indubbio rafforzamento dell’Eurozona, delle sue istituzioni e dei suoi strumenti di governo. Finita la recessione, poi, è finalmente tornata la crescita, anche se limitata per ora all’1%. Ma la bassissima inflazione comporta rischi aggiuntivi rendendo ancora più difficile per alcuni Paesi della zona euro migliorare la situazione economica, particolarmente dal punto di vista del debito. Ma anche il cronicizzarsi di una situazione di bassissima inflazione — oggi siamo allo 0,5% in Europa, 0,4 in Italia — è pericoloso. Per questo è necessario un sostegno anche da parte delle banche centrali. Detto questo so bene che le politiche monetarie hanno i loro limiti e sono già state usate ampiamente in Europa, così come so che anche le politiche fiscali hanno i loro limiti. E anche qui i Paesi dell’eurozona hanno già fatto molto. Resta la terza cassetta degli attrezzi: quella delle riforme strutturali, a partire dal mercato del lavoro».
Un esempio da indicare?
«Tra i Paesi con un alto livello di disoccupazione giovanile e con molto lavoro nero, il Messico sta facendo bene nei suoi tentativi di evitare il rischio della generazione perduta. Secondo alcune stime, le riforme che riducono le barriere alle assunzioni dovrebbero consentire di creare 400 mila posti di lavoro in più ogni anno».
Dopo una fase di incertezza, il ruolo delle istituzioni finanziarie internazionali vive da anni un periodo di forte rilancio. E il Fondo monetario è essenziale nel tentativo di evitare un’ulteriore degenerazione della crisi ucraina. Anche se alcuni analisti sostengono che l’Fmi si sta esponendo troppo oggi sull’Ucraina, così come ieri sulla Grecia.
«Abbiamo agito con tempestività, mandando un team fin dal 10 marzo a monitorare la situazione a Kiev. I nostri tecnici hanno aggiornato il quadro che era stato fatto recentemente e hanno avviato il negoziato con le autorità locali. Ci siamo presi dei rischi? Certo: il nostro mestiere è prestare denaro e quando lo fai assumi sempre qualche rischio. Loro li hanno minimizzati accettando una serie di impegni. L’Ucraina ora deve compiere delle azioni per mostrare la determinazione a implementare il programma. Noi controlleremo periodicamente la situazione e l’adempimento delle riforme prima di fornire i finanziamenti a ogni revisione del programma».
Un importante ruolo anche geopolitico, molto apprezzato anche dagli Usa che cercano di frenare l’aggressività russa. Eppure gli Stati Uniti sono l’unico Paese che non ha ancora ratificato la riforma dell’Fmi, con l’aumento del peso dei Paesi emergenti. Una riforma varata nell’ormai lontano 2010. Un blocco che vi impedisce di operare sulla base di quel nuovo assetto: pensa di prendere qualche iniziativa nei confronti del governo di Washington e del Congresso che non ratifica la riforma, in questi giorni di vigilia dei meeting primaverili del Fondo e della Banca Mondiale?
«Non posso sostituirmi all’Amministrazione Usa che, peraltro, ha ribadito il suo impegno per la ratifica. Abbiamo fornito a governo e Parlamento tutte le informazioni e tutti i dati che ci hanno chiesto, sempre in modo tempestivo. Il direttore esecutivo che siede nel “board” del Fondo in rappresentanza degli Usa ha di certo molto peso. Siamo un libro aperto, tutto quello che facciamo è pubblico. Non vedo azioni concrete prima degli spring meetings».
Barack Obama da tempo denuncia i rischi politici e sociali che derivano dalle crescenti sperequazioni nella distribuzione del reddito negli Stati Uniti. La settimana scorsa, durante la sua visita in Vaticano, il presidente americano ha trovato un terreno di discussione comune su questi temi con papa Francesco, che ha espresso le stesse preoccupazioni estese a tutto il mondo. Il Pontefice lo ha fatto in modo ancora più forte e con un linguaggio assai più tagliente. Dove si colloca il Fmi nella delicata discussione sulla redistribuzione del reddito? 
«Quello delle crescenti diseguaglianze sociali è un problema che ci preoccupa da tempo. Ma ora c’è stata un’accelerazione determinata da due fattori: la tecnologia che ha accelerato e incrementato la polarizzazione dei redditi e il recente apprezzamento dei valori di molti “asset” finanziari: un fenomeno che fa prosperare il mercato dei capitali. L’Fmi recentemente ha compiuto due ricerche su questi nodi. Cercando di semplificare analisi in realtà molto complesse, direi che i nostri studi arrivano a due conclusioni. Primo: le diseguaglianze dei redditi non favoriscono una crescita sostenibile. Secondo: l’idea che la redistribuzione del reddito non contribuisce a sostenere le economie è con ogni probabilità infondata. Certo, poi non tutti i metodi di redistribuzione sono accettabili: bisogna concentrarsi su quelli efficienti e ben calibrati»
(intervista a cura di Massimo Gaggi, inviato a Washington de Il Corriere della Sera - 4 aprile 2014)

 

 

 

A cura della segreteria della Senatrice Laura Bianconi
Via Uberti,14 – 47023 Cesena (FC)
tel. 0547/613927 – fax 0547/613935
www.laurabianconi.itsenatrice@laurabianconi.it

Questa newsletter vuole essere un contributo al dibattito politico e culturale nel nostro Paese. Ci scusiamo se arriva contro la tua volontà, molti dei nostri indirizzi sono presi da elenchi istituzionali e trattati secondo quando stabilito dalla L. 675/96, se non vuoi più riceverla.

clicca qui


Privacy e Note Legali
[ home ] - [ biografia ] - [ news letters ] - [ photo gallery ] - [ links ] - [ contatti ]