Laura Bianconi Vicepresidente dei Senatori del Gruppo PDL
Newsletter n. 280 del 10 marzo 2015

In Commissione
AFFARI COSTITUZIONALI
Diritto di accesso a internet - audizioni informali
Contrasto al cyber bullismo
Modifiche Statuto regione Friuli-Venezia Giulia
Contrasto alla criminalità organizzata
GIUSTIZIA
Modifiche disciplina misure cautelari personali e modifiche alla legge 26 luglio 1975, n. 354
Pubblicità codice deontologico emanato dal Consiglio nazionale forense
Ratifica convenzione Aja protezione minori
AFFARI ESTERI
Schema di decreto ministeriale concernente il riparto dello stanziamento iscritto nello stato di previsione della spesa del Ministero degli affari esteri per l'anno 2014, relativo a contributi ad enti, istituti, associazioni, fondazioni ed altri organismi
BILANCIO
Delega per la riforma dei confidi
Norme varie in materia sanitaria
Riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche
Accordo Italia-Isola di Man scambio informazioni in materia fiscale
Accordo Italia-Baliato di Guernsey scambio informazioni in materia fiscale
Accordo di cooperazione Italia-Afghanistan prevenzione e contrasto traffico stupefacenti
Agricoltura sociale
Ratifica Accordo Italia-Brasile familiari personale diplomatico
Ratifica Trattato Italia-Brasile trasferimento persone condannate
Ratifica Accordo Italia-Bosnia Erzegovina cooperazione cultura, istruzione e sport
Prestito vitalizio ipotecario
ISTRUZIONE PUBBLICA
Statizzazione ex istituti musicali pareggiati
Novantesimo anniversario della morte di Giacomo Matteotti
Mandati CONI e federazioni sportive
AGRICOLTURA
Agrumeti caratteristici
Competitività settore agricolo (collegato alla manovra finanziaria)
SANITA’
Ddl di conversione del DL 192/2014 (Proroghe)
Indagine conoscitiva sostenibilità SSN: comunicazioni dei relatori
legge di delegazione europea). Parere alla 14a Commissione - Rel. Bianconi e Floris
Formazione gente di mare - Osservazioni alla 8a commissione
disposizioni di corpo e tessuti post mortem - Audizioni del prof. Sbordone e del prof. Buccelli


In Aula
Divorzio breve
Identificazione appartenenti Forze dell'ordine
Eventuale seguito argomenti non conclusi

RIFORME, SI’ DELLA CAMERA POSITIVO PASSO AVANTI
“Il sì della Camera alla riforma costituzionale è un ulteriore passo avanti nel percorso avviato in questa legislatura. Questo è il motivo per cui si diede vita a un governo che vedeva insieme i due principali schieramenti usciti dalle urne, il Pd e Forza Italia, e questo è il motivo per cui, responsabilmente, abbiamo dato vita al Nuovo Centrodestra quando Silvio Berlusconi ha deciso di ritirarsi dalla compagine di governo. Abbiamo fatto quello per cui ci siamo impegnati di fronte al Paese”
. Così la senatrice Laura Bianconi del gruppo AP Ncd-Udc che non esita a sottolinea le difficoltà in cui, sempre più, si dibatte Forza Italia, che sul tema delle riforme sta consumando l’ennesima lacerazione interna. “Forza Italia – continua Bianconi – ha contribuito a iniziare il percorso di riforme e ora, per inseguire le spinte estremiste della Lega, vota contro. Credo che difficilmente gli elettori potranno comprendere questo cambio di posizione, soprattutto di fronte a un partito che si presenta sempre più diviso e lacerato, incapace ormai di rappresentare la grande platea degli elettori moderati”.

NOZZE GAY E LA VITTORIA DI PIRRO
La prima Sezione Ter del Tar del Lazio, a cui hanno fatto ricorso alcune delle coppie le cui unioni contratte all’estero, trascritte nei registri di stato civile di alcuni comuni italiani, e poi cancellate dai prefetti, ha affermato che l'attuale normativa nazionale non consente di celebrare matrimoni tra persone dello stesso sesso e quindi i loro matrimoni contratti all'estero non sono trascrivibili nei registri dello stato civile. L'annullamento delle trascrizioni però può essere disposto solo dai tribunali ordinari, e non da ministro e prefetto. “A legger bene il sindaco Marino, e con lui lo sparuto numero di sindaci che lo ha seguito – sottolinea la senatrice Laura Bianconi - non poteva trascrivere i matrimoni contratti all’estero da persone dello stesso sesso. Secondo il Tar di Roma il ministro Alfano non poteva disporne la cancellazione, ma almeno la sua azione ha avuto come conseguenza quella di fare chiarezza: quei matrimoni non si potevano e non si possono trascrivere e chi lo fa dovrà vedersela con i tribunali ordinari, competenti a disporne la cancellazione. In conclusione, anche se il sindaco di Roma esulta la sua è solo una vittoria di Pirro, non potrà trascrivere altri matrimoni contratti all’estero, non potrà alimentare false speranze attraverso azioni demagogiche e soprattutto, non potrà dire che Angelino Alfano non aveva ragione nel far valere il principio di legalità alla luce delle norme in vigore”.

IN SENATO PREMIO OMAR PER MALATTIE RARE
Martedì scorso, a conclusione delle iniziative legate alla Giornata Mondiale per le Malattie Rare, che si è celebrata il 28 febbraio, nella Biblioteca del Senato si è svolta la cerimonia di premiazione della terza edizione del Premio Giornalistico Omar per le malattie e i tumori rari, organizzato da Osservatorio Malattie Rare, Telethon, Orphanet, Centro Nazionale Malattie Rare - Iss e Uniamo Fimrs. I premi sono stati attribuiti ai giornalisti Riccardo Iacona, conduttore e ideatore della trasmissione PresaDiretta (Rai3) e a Cristina de Ritis, coautore del programma, e agli autori della puntata dedicata al ‘Caso Stamina’, Liza Boschin e Marco Piazza. La premiazione, è stata l’occasione per fare il punto sulle Malattie Rare, a 14 anni dalla 'legge quadro'. Tra i presenti, oltre al sottosegretario alla Salute con delega alle malattie rare Vito De Filippo, la senatrice Laura Bianconi, che nel corso della sua attività parlamentare ha sempre seguito la problematica delle malattie rare presentando specifici disegni di legge. “Le malattie rare – osserva la senatrice – hanno l’ulteriore handicap di essere poco conosciute e poco studiate perché riguardano un numero limitato di persone e, purtroppo, la ricerca di farmacologica è estremamente costosa e anche se si arriva a individuare il farmaco ad hoc il limitato numero di malati non rende remunerativo l’investimento necessario alla ricerca. Fortunatamente - conclude la senatrice -  ci sono aziende che hanno un forte senso di responsabilità nei confronti di questi malati e investono in ricerca, ma l’obiettivo è quello di stabilire adeguati finanziamenti per la ricerca. Solo così potremo dare adeguate risposte ai chi è colpito da una malattia rara”

SICUREZZA: BENE PROGETTO ALFANO PER CONTROLLO TERRITORIO
“Misure forti per il controllo del territorio in cui i sindaci siano sempre più protagonisti. Certezza della pena, lotta all’accattonaggio e alla prostituzione, sono questi gli obiettivi a cui sta lavorando Angelino Alfano per garantire maggiore sicurezza e decoro nelle nostre città”
. Lo dichiara la senatrice Laura Bianconi che commenta i positivi risultati ottenuti nel comparto sicurezza nel corso del 2014. “Secondo i dati forniti dal ministro Alfano i reati sono diminuiti in un anno del 7 per cento, numeri che parlano da soli e che testimoniano l’impegno per contrastare gli episodi di piccola e grande criminalità che colpiscono le nostre città. Adesso – conclude Bianconi – è il momento di affrontare altri problemi come l’accattonaggio, la prostituzione e gli atti di vandalismo che vedono protagonisti i cosiddetti writers. Sono sicura che così come ha fatto finora, Angelino Alfano saprà predisporre gli strumenti più adeguati per rendere le nostre città più sicure. più vivibili e più belle”.





Maschile e femminile. Sessualizzazione dei termini. Anche questo è un percorso nella battaglia di una effettiva parità tra uomini e donne, che per essere vera e compiuta deve essere concreta e fuori di retorica. Per questo Spazio libero ospita l’opinione di Gianluigi Beccaria, storico della lingua italiana e saggista. E per finire alcuni messaggi preparati dal Nuovo Centrodestra per l’8 marzo, una sintesi dell’impegno nei confronti delle donne. Un impegno che è di tutto l’anno, non solo di un giorno.

QUEL CHE MANCA AL NOSTRO VOCABOLARIO
Non c’è dubbio che la grammatica è maschiocentrica, se penso alla larga prevalenza del maschile sul femminile sia per indicare le espressioni astratte (“il giusto”, “il vero”), sia nell’uso dei pronomi (“non c’è nessuno”), sia nella sintassi, perché se un aggettivo si riferisce a due o più nomi di genere diverso esso va al maschile plurale e non al femminile (“una donna e un uomo italiani”). Ciononostante mi pare mi pare difficile proporre sostituzioni. Tuttavia, sul tema del “sessismo” nella lingua si sono scatenate strane proposte, anche perché tra la gente prevale l’idea che la grammatica non deve tanto seguire l’uso, la consuetudine, quando che va riformata.
C’è stato chi per esempio ha criticato “la fratellanza del genere umano”, “la paternità della legge x”, “l’uomo della strada”, da evitare perché discriminerebbero il sesso femminile. C’è chi trova scorretto che una maestra si rivolga alla classe dicendo “i vostri compagni”. E le “compagne”?
Il principio secondo cui, se una parola sembra discriminare il sesso femminile, va evitata o sostituita con un’altra, ha avuto seguito soprattutto in America. Si era addirittura pensato di cassare female, come se fosse nato dal maschile male, mentre è un diminutivo di femina, lat. Femella.
Più serio chiedersi se si debba dire il ministro o la ministra. Il dubbio risale a decenni passati, da quando le donne hanno cominciato a esercitare professioni, a ricoprire incarichi e funzioni prima esercitate quasi esclusivamente dai maschi. Personalmente io non sono un prescrittivo, so bene che in lingua difficilmente si può imporre una proposta anche organica che d’autorità provenga dall’altro e piallare secondo logica una realtà come la lingua, che è invece materia viva e oscillante. Penso che sia ragionevole rispettare sempre un uso già consolidato. Non si può di punto in bianco decidere di adottare la studente.
Non è per nulla un dramma tenerci le oscillazioni del tipo “la professoressa X, Rettore dell’Università di Y”. La lingua, quando come in questi casi non sussiste il problema del giusto/sbagliato, vive di diritto la sua vitale mobilità. Non è bene imporre una soluzione o l’altra. Senza imposizioni, pian piano cancelliera, ministra, filosofa, antropologa si sono andate stabilizzando. Già trovi scritto sui giornali sindaca, mentre avvocata ((si sente forse risuonare l’advocata nostra rivolta alla Madonna?) non piace alle stesse interessate. Per ora nessuno tira in ballo ingegnera, anche se sarebbe grammaticalmente ben formato, e inseribile nella larga serie cameriera, infermiera, cassiera, ragioniera.
(Gianluigi Beccaria – La Stampa, giovedì 5 marzo 2015)

&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&

PERCHE’ L’8 MARZO E’ TUTTI I GIORNI
Bonus bebè
e sostegno alle famiglie con Family Act. Questa è la Festa delle Donne.
Con Ncd donne più forti e libere a lavoro. Grazie al Jobs Act più tutela alla maternità.
Donne più forti e libere a lavoro. Con Jobs Act conciliazione tempi vita-lavoro, congedo parentale, telelavoro.
Parità di genere in Legge elettorale e più donne a cariche elettive. Questa è la Festa delle Donne.
Donne più sicure e difese. Grazie a legge di Angelino Alfano, contro violenza di genere norme più severe. Questa è la Festa delle Donne.
Con Ncd donne più sicure e tutelate. Con Jobs Act congedo per vittime violenze di genere.
Con Ncd donne più sicure e protette. Grazie a legge di Angelino Alfano, contro violenza di genere, allontanamento coatto da casa dei mariti violenti.
Con Nuovo Centrodestra sosteniamo le mamme grazie al buono di 1.000 euro per le famiglie numerose con quattro figli. Family Act.
Con Nuovo Centrodestra sosteniamo le nascite grazie al bonus di 80 euro per le neo mamme. Family Act.
(Fonte: sito nazionale Ncd)


 

 

 

A cura della segreteria della Senatrice Laura Bianconi
Via Uberti,14 – 47023 Cesena (FC)
tel. 0547/613927 – fax 0547/613935
www.laurabianconi.itsenatrice@laurabianconi.it

Questa newsletter vuole essere un contributo al dibattito politico e culturale nel nostro Paese. Ci scusiamo se arriva contro la tua volontà, molti dei nostri indirizzi sono presi da elenchi istituzionali e trattati secondo quando stabilito dalla L. 675/96, se non vuoi più riceverla.

clicca qui


Privacy e Note Legali
[ home ] - [ biografia ] - [ news letters ] - [ photo gallery ] - [ links ] - [ contatti ]