Laura Bianconi Vicepresidente dei Senatori del Gruppo PDL
Newsletter n. 78 del 4 ottobre 2011

In Commissione

Affari costituzionali
Riduzione del numero dei parlamentari
Elezione di un giudice della Corte costituzionale e di un componente del CSM
Giustizia
Esame dell’atto comunitario relativo alle statistiche europee sulla sicurezza dalla criminalità
Bilancio
Aggiornamento del Documento di economia e finanza 2011
Finanze
Indagine conoscitiva sulla riforma fiscale
Istruzione
Schema di Decreto Ministeriale in materia di visti di ingresso per studenti stranieri
Regolamento per il trattamento economico di professori e ricercatori universitari
Lavori pubblici, comunicazioni
Indagine conoscitiva sulle concessioni demaniali marittime ad uso turistico ricreativo: audizione del Ministro per le politiche europee
Agricoltura
Atto comunitario in materia di organizzazione dei mercati della pesca e dell’acquacoltura
Lavoro, previdenza sociale
Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sulla esposizione dei lavoratori ai campi elettromagnetici
Sanità
Indagine conoscitiva sulla Croce Rossa Italiana
Audizione del Ministro della salute in merito ai recenti casi di tubercolosi e agli effetti delle manovre economiche sul SSN



In Aula
Modifica alla legge 11 febbraio 1992, n. 157, in materia di esercizio di attività venatoria in ambiti territoriali diversi da quelli di appartenenza
Convenzione del Consiglio d'Europa per la protezione dei minori
Relazioni della Commissione antimafia sul riciclaggio e le infiltrazioni mafiose nel gioco lecito e illecito

TUMORE AL SENO: OCCORONO CENTRI QUALIFICATI COME LE BREAST-UNIT
La salute della donna e in particolare le problematiche dei tumori femminili caratterizzano l’attività parlamentare della Senatrice Laura Bianconi che la scorsa settimana, a Chieti e a Piacenza, ha partecipato a due convegni sul tumore al seno.
"Il seno è il simbolo stesso della femminilità, ha in sé valenze emotive, racchiude valori che non si possono scindere dall'identità femminile. Per questo è importante che le cure per il tumore al seno preservino il più possibile l'integrità fisica della donna". Con queste parole la senatrice Laura Bianconi ha iniziato il suo intervento al Convegno dal titolo "Rinnovamente dei processi assistenziali e di ricerca in ambito senologico" che si è tenuto oggi presso l'Università Gabriele D'Annunzio di Chieti. La senatrice, anche in qualità di componente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, ha illustrato i risultati dell'indagine conoscitiva sulle patologie degenerative promossa proprio dalla Commissione di Palazzo Madama e per la quale lei ha curato il filone relativo al tumore alla mammella. "In Italia - ha precisato la vice presidente dei senatori del Pdl - il carcinoma alla mammella colpisce 1 donna su 8, con 40.000 nuovi casi registrati ogni anno. Rappresenta il tumore più frequente nel sesso femminile. L'incidenza di questo tumore ha registrato un aumento negli anni recenti, accompagnato da una diminuzione della mortalità. I dati scientifici a nostra disposizione dimostrano che l'intervento più efficace nella lotta al tumore al seno è rappresentato dalla diagnosi precoce. Infatti, se diagnosticato in uno stadio sub-clinico (lesione non palpabile) e trattato correttamente, il cancro al seno può essere sconfitto sino al 98% dei casi. Secondo i dati forniti dall'OMS lo screening di qualità può ridurre anche del 35% la mortalità per tumore al seno nelle le donne comprese tra i 50 e 69 anni. Ancora troppo elevato è il gap tra il nord ed il sud del nostro Paese - ha ricordato Bianconi - ed anche per questo occorre procedere rispettando le indicazioni dell'Unione Europea che invitano gli Stati membri a dotarsi, entro il 2016, di centri multidisciplinari altamente specializzati, quali le breast-unit. Un appuntamento quello del 2016 - ha concluso - al quale dobbiamo arrivare con le carte in regola nell'interresse di tutte le donne che hanno diritto ad essere assistite e curate, allo stesso modo, in strutture di elevata qualità dislocate su tutto il territorio nazionale".

2011, ANNO INTERNAZIONALE DEL VOLONTARIATO
Nel mese di settembre in moltissime città italiane si è celebrato il 10° anniversario dell’Anno Internazionale del Volontariato istituito per la prima volta nel 2001 al fine di focalizzare l’attenzione dell’opinione pubblica sui volontari e sul contributo che danno alla società.
Nella Provincia di Forlì-Cesena le iniziative si sono susseguite in diverse località della provincia dal 29 settembre al 2 ottobre, con convegni e momenti di festa a cui ha preso parte anche la Senatrice Laura Bianconi che ha portato il suo saluto all’apertura del Convegno svoltosi sabato 2 ottobre a Cesena. “Il volontariato è la storia stessa della nostra Nazione – ha osservato Laura Bianconi – Certo, oggi è più moderno, ha ampliato la propria mission grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie, ma nella sostanza, nelle motivazioni che muovono una persona a donare tempo e risorse per gli altri non è assolutamente diverso rispetto al passato. Con questo spirito sono nate le Università e gli Ospedali, finanziati e sostenuti dalle famiglie più abbienti e illuminate della città affinché fossero luoghi di reale accoglienza per chi voleva studiare o aveva necessità di essere curato, segno evidente di come il cuore dell’uomo, di fronte a un bisogno, è in grado di trovare la risposta più adeguata. Questo – ha proseguito Bianconi – sino a pochi decenni fa era così radicato nella cultura del nostro popolo che le istituzioni benefiche erano oggetto di lasciti che consentivano loro di continuare la propria attività. E’ importante dunque – ha concluso Bianconi – che questo anno del volontariato sproni le istituzioni a mettere al centro delle loro politiche l’impegno di tutti coloro che operano nel mondo del volontariato”.

SOLIDARIETA’ AD ANGELINO ALFANO
Unanime solidarietà è stata espressa al coordinatore del Pdl in seguito alle rivelazioni che lo vedrebbero al centro di un complotto mafioso. “Angelino Alfano – ha sottolineato la senatrice Bianconi - come ministro della Giustizia ha dato prova di essere uno strenuo oppositore di tutte le forme di malavita organizzata e illegalità. Il suo lavoro e la sua ferma determinazione sono motivo di orgoglio per tutti coloro che nel Pdl sostengono e condividono le sue idee”.

A CESENA L’ASSOCIAZIONE VALORI E LIBERTA’ PARLA DI FAMIGLIA E EDUCAZIONE
Dopo la pausa estiva le iniziative dell'Associazione Valori e Libertà ripartono con un incontro pubblico in programma a Cesena giovedì 6 ottobre, alle ore 20,30, presso la Chiesa di Sant'Agostino. Tema della serata "La sfida e l'evento educativo: la famiglia e i suoi confini". Alessandro Meluzzi, ospite e opinionista, in qualità di psichiatra, di molte trasmissioni televisive, e Paolo Gambi editorialista de La Voce di Romagna, scrittore, giornalista e conduttore televisivo, proporranno al pubblico un percorso di riflessioni su famiglia, qualità dell'educazione e ruolo dell’educatore. Il fil rouge sarà ovviamente l’ultimo libro di Alessandro Meluzzi “Ho seguito il mio maestro”, scritto con la collaborazione di Paolo Gambi, in cui si parla della vocazione di chi opera in ambito educativo e delle difficoltà che si incontrano nella difficile arte dell'educare. “Oggi – si legge nel libro - la vocazione dell'educatore si scontra con la destrutturazione del mondo che rende caotiche e confuse le scelte di chi vuole seguire comunque ogni sua inclinazione momentanea. L'educatore svolge compiti che prima erano affidato alla famiglia, assumendo un aspetto genitoriale. Stiamo tutti diventando genitori gli uni degli altri, padri e madri di noi stessi e dell'altro, al di là di legami tradizionali”. In questo scenario ci si chiede appunto quali siano i nuovi confini della famiglia e quali sfide educative la attendono.


A MODENA L’ASSOCIAZIONE LIBERO ARBITRIO PROPONE INCONTRO SU MEDIO ORIENTE
“Africa settentrionale e Medio Oriente: rischi, opportunità e nuovi equilibri internazionali”.
Questo il tema del convegno che organizzato a Modena dall’associazione Libero Arbitrio, federata con Magna Carta, in collaborazione con l’Associazione Valori e Libertà. All’incontro che avrà luogo venerdì 7 ottobre, alle ore 17,30, presso l’Hotel Real Fini – Via Emilia Est, 441, interverranno: Gianni Marrizza, Luigi Mennella, Carlo Panella e Patrizia Paoletti Tangheroni. I saluti di apertura saranno di Marisa Malavasi, Presidente dell’Associazione Libero Arbitrio, e Isabella Bertolini, Presidente nazionale dell’Associazione Valori e Libertà. La conclusione dei lavori sarà di Gaetano Quagliariello, Presidente d’Onore della Fondazione Magna carta e Vice-Capogruppo Vicario del Gruppo Pdl al Senato.


Sono la passione dell’autrice di questa newsletter, già lo scorso anno di questi tempi avevamo ricordato ai nostri cinque lettori che tra il 29 settembre e il 2 ottobre la Chiesa festeggia San Michele Arcangelo e gli Angeli Custodi. Lo ricordiamo ancora perché ci dispiace che sia ormai dimenticata, soprattutto dalle giovani generazioni, quella dolcissima e bella abitudine di prepararsi al sonno recitando la preghiera dell’Angelo custode. Lo ricordiamo perché nell’Angelus di domenica scorsa Il Santo Padre ha richiamato la nostra coscienza alla figura potente e salvifica degli angeli. Ha anche ammonito sul senso di responsabilità che deve caratterizzare chiunque ricopra ruoli di autorità. Protezione e responsabilità, due cose assolutamente necessarie in questo momento per il nostro Paese.


ANGELUS -Piazza San Pietro Domenica, 2 ottobre 2011
Cari fratelli e sorelle!
Il Vangelo di questa domenica si chiude con un monito di Gesù, particolarmente severo, rivolto ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo: “A voi sarà tolto il Regno di Dio e sarà dato ad un popolo che ne produca i frutti” (Mt 21,43). Sono parole che fanno pensare alla grande responsabilità di chi, in ogni epoca, è chiamato a lavorare nella vigna del Signore, specialmente con ruolo di autorità, e spingono a rinnovare la piena fedeltà a Cristo. Egli è “la pietra che i costruttori hanno scartato” (cfr Mt 21,42), perché l’hanno giudicato nemico della legge e pericoloso per l’ordine pubblico; ma Lui stesso, rifiutato e crocifisso, è risorto, diventando la “pietra d’angolo” su cui possono poggiare con assoluta sicurezza le fondamenta di ogni esistenza umana e del mondo intero. Di tale verità parla la parabola dei vignaioli infedeli, ai quali un uomo ha affidato la propria vigna, perché la coltivino e ne raccolgano i frutti. Il proprietario della vigna rappresenta Dio stesso, mentre la vigna simboleggia il suo popolo, come pure la vita che Egli ci dona affinché, con la sua grazia e il nostro impegno, operiamo il bene. Sant’Agostino commenta che “Dio ci coltiva come un campo per renderci migliori” (Sermo 87, 1, 2: PL 38, 531). Dio ha un progetto per i suoi amici, ma purtroppo la risposta dell’uomo è spesso orientata all’infedeltà, che si traduce in rifiuto. L’orgoglio e l’egoismo impediscono di riconoscere e di accogliere persino il dono più prezioso di Dio: il suo Figlio unigenito. Quando, infatti, “mandò loro il proprio figlio – scrive l’evangelista Matteo – … [i vignaioli] lo presero, lo cacciarono fuori dalla vigna e lo uccisero” (Mt 21,37.39). Dio consegna se stesso nelle nostre mani, accetta di farsi mistero insondabile di debolezza e manifesta la sua onnipotenza nella fedeltà ad un disegno d’amore che, alla fine, prevede però anche la giusta punizione per i malvagi (cfr Mt 21,41).
Saldamente ancorati nella fede alla pietra angolare che è Cristo, rimaniamo in Lui come il tralcio che non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite. Solamente in Lui, per Lui e con Lui si edifica la Chiesa, popolo della nuova Alleanza. Ha scritto in proposito il Servo di Dio Papa Paolo VI: “Il primo frutto dell’approfondita coscienza della Chiesa su se stessa è la rinnovata scoperta del suo vitale rapporto con Cristo. Notissima cosa, ma fondamentale, indispensabile, ma non mai abbastanza conosciuta, meditata, celebrata” (Enc. Ecclesiam suam, 6 agosto 1964: AAS 56 [1964], 622).
Cari amici, il Signore è sempre vicino e operante nella storia dell’umanità, e ci accompagna anche con la singolare presenza dei suoi Angeli, che oggi la Chiesa venera quali “Custodi”, cioè ministri della divina premura per ogni uomo. Dall’inizio fino all’ora della morte, la vita umana è circondata dalla loro incessante protezione. E gli Angeli fanno corona all’Augusta Regina delle Vittorie, la Beata Vergine Maria del Rosario, che nella prima domenica di ottobre, proprio a quest’ora, dal Santuario di Pompei e dal mondo intero, accoglie la fervida Supplica, affinché sia sconfitto il male e si riveli, in pienezza, la bontà di Dio.
(tratto dal sito www.vatican.va)


 

 

 

A cura della segreteria della Senatrice Laura Bianconi
Via Uberti,14 – 47023 Cesena (FC)
tel. 0547/613927 – fax 0547/613935
www.laurabianconi.itsenatrice@laurabianconi.it

Questa newsletter vuole essere un contributo al dibattito politico e culturale nel nostro Paese. Ci scusiamo se arriva contro la tua volontà, molti dei nostri indirizzi sono presi da elenchi istituzionali e trattati secondo quando stabilito dalla L. 675/96, se non vuoi più riceverla.

clicca qui


Privacy e Note Legali
[ home ] - [ biografia ] - [ news letters ] - [ photo gallery ] - [ links ] - [ contatti ]